13:59 08 Luglio 2020
Mondo
URL abbreviato
315
Seguici su

Quattro ore al giorno di blackout per far fronte alla crisi energetica del paese sudamericano, alle prese con la grande siccità ed il crollo del prezzo del greggio.

Il governo guidato dal presidente Nicolas Maduro ha annunciato il varo del piano per il razionamento elettrico del Venezuela, alle prese con una difficile crisi energetica. Il crollo del prezzo del greggio da una parte e la pesante ondata di siccità che sta mettendo a dura prova le riserve dei bacini idrici del Paese, hanno portato alla decisione di far partire da lunedì prossimo un piano di riduzione dei consumi.

Per quaranta giorni saranno così programmati dei blackout di 4 ore al giorno in tutto il Venezuela, al fine di dare respiro alla diga di Guri, la più grande del Paese nonché fonte di approvvigionamento del fabbisogno energetico del 70% del Paese, dove i livelli di acqua avevano nel mese di marzo raggiunto livelli preoccupanti. Il ministro venezuelano dell'Energia, Luis Motta Dominguez, in visita alla diga di Guri, ha lanciato l'allarme e dopo aver annunciato nei giorni scorsi l'attivazione di nuove centrali elettriche ha annunciato il piano di riduzione temporanea dei consumi, destinati a diminuire ulteriormente per la decisione di chiudere gli uffici pubblici venezuelani ogni venerdì nei mesi di aprile e maggio.     

Correlati:

Venezuela, via al cambio di fuso orario per contrastare la crisi energetica
Tags:
energia elettrica, Venezuela
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook