07:18 18 Giugno 2019
Hacker

La Turchia sospetta hacker russi per furto di dati personali dei cittadini

© flickr.com/ Dennis Skley
Mondo
URL abbreviato
472

La Procura di Ankara ritiene che dietro la perdita dei dati personali di quasi 50 milioni di cittadini turchi ci possano essere gli hacker russi, segnala il portale “Haber7”.

Il 4 aprile hacker non identificati hanno pubblicato in accesso libero i dati personali di 49,6 milioni di cittadini turchi, compreso il presidente Erdogan. I dati pubblicati comprendono i nomi, i nomi dei genitori, il sesso, la data e il luogo di nascita e l'indirizzo di residenza e il numero della carta d'identità.

Secondo gli hacker, le loro azioni sono dirette contro il presidente turco Erdogan, che "sta distruggendo il Paese fino a renderlo irriconoscibile."

Il ministro della Giustizia Bekir Bozdag ha annunciato l'apertura di un'inchiesta.

Secondo la fonte del portale "Haber7" negli organi di giustizia, la pista degli hacker russi è stata avanzata dalla Procura in base ai risultati delle indagini preliminari.

E' stato riferito che le autorità turche vogliono rivolgersi alla Russia per chiedere supporto nelle indagini.

Tags:
Società, Giustizia, hacker, Recep Erdogan, Turchia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik