16:27 15 Maggio 2021
Mondo
URL abbreviato
20319
Seguici su

Se il nuovo governo ucraino farà precipitare il paese di nuovo nel caos, il nuovo presidente degli Stati Uniti sarà tentato ad abbandonarla al suo destino.

L'Occidente potrebbe voltare le spalle all'Ucraina, se il nuovo governo continuerà a impegnarsi nei giochi politici, invece che nelle riforme. Lo ha dichiarato l'ex ambasciatore degli Stati Uniti in Ucraina Steven Pifer, intervenendo al forum della sicurezza a Kiev, citato dallo «Zerkalo nedeli».

Pifer ha espresso la speranza che il nuovo governo «si metta presto all'opera», perché altrimenti non esclude che «la pazienza dell'Occidentale si esaurirà, non è illimitata».

Egli ha anche osservato che il prossimo presidente degli Stati Uniti continuerà ad aiutare l'Ucraina se nel paese continueranno le riforme. Tuttavia, se il paese dovesse nuovamente affondare in una crisi politica, il nuovo presidente, secondo Pifer, potrebbe essere tentato di dire «che siano gli europei a sbrigarsela da soli con l'Ucraina».

Giovedì il parlamento ucraino ha votato le dimissioni di Arseniy Yatsenyuk e ha nominato Vladimir Groisman alla carica di primo ministro. La sua candidatura è stata presentata da Petro Poroshenko su proposta della nuova coalizione parlamentare.

Alcuni analisti ritengono che l'attuale presidente ucraino rafforza in questo modo il suo potere. In particolare, il giornalista di Bloomberg Leonid Bershidsky richiama l'attenzione sul fatto che il nuovo gabinetto è composto principalmente da sostenitori di Poroshenko.

Correlati:

Ucraina: Poroshenko licenzia il comandante della marina militare
Olanda, in Parlamento mozione per cancellare ratifica associazione UE-Ucraina
Ucraina, Hollande e Merkel invitano Poroshenko ad accelerare su accordi di Minsk
Tags:
dichiarazioni, Occidente, riforme, Situazione in Ucraina
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook