03:20 01 Novembre 2020
Mondo
URL abbreviato
6314
Seguici su

Il blocco del sito di Sputnik in Turchia è un'ulteriore prova del fatto che Erdogan e il suo governo sono insofferenti alla libertà di parola, ritiene il presidente della commissione Esteri del Consiglio della Federazione Konstantin Kosachev.

Il presidente della commissione Esteri della camera alta del Parlamento russo Konstantin Kosachev lega l'oscuramento del sito dell'agenzia Sputnik in Turchia con le dichiarazioni di Vladimir Putin durante la "Linea diretta" ed ha chiarito il suo pensiero affermando che Ankara teme che "i turchi conoscano la verità sull'atteggiamento dei russi nei loro confronti e nella Turchia in generale".

In precedenza era stato riferito che il sito web di Sputnik era stato bloccato in Turchia nella notte di giovedì; mentre si cerca di collegarsi al sito, compare un messaggio relativo all'applicazione di misure amministrative da parte delle autorità.

Secondo Kosachev, "è difficile non vedere in questo gesto una reazione alle dichiarazioni spontanee di Vladimir Putin relative alle relazioni russo-turche."

"Per di più non consiste tanto nelle osservazioni critiche sulle "attività di alcuni politici", il cui comportamento è ritenuto inadeguato dalla Russia."

E' stato più decisivo per gli oscuratori del sito il fatto che Putin abbia rilevato di considerare la Turchia un Paese amico così come i turchi. Tutto questo contraddice i mali con cui ci raffigura la propaganda turca", — il politico ha scritto sulla sua pagina su Facebook.

Kosachev ha ricordato che il presidente turco Tayyip Erdogan ha "seri problemi con i mezzi di comunicazione."

"Il nuovo episodio con Sputnik è solo un altro segnale dell'insofferenza di Erdogan e del suo governo alla prova della libertà di espressione e della paura che i turchi sappiano la verità sull'atteggiamento dei russi nei loro confronti e nella Turchia in generale. Tutto questo significa che le parole del presidente hanno centrato il bersaglio", — ha dichiarato Kosachev.

Il sito di Sputnik è stato bloccato diverse ore dopo la "Linea diretta" col presidente russo Vladimir Putin, che ha fatto diverse dichiarazioni sui rapporti russo-turchi. In particolare Putin ritiene la Turchia un Paese amico, tuttavia ci sono problemi con singoli politici, il cui comportamento è ritenuto inadeguato dalla Russia.

Parlando della lotta contro l'estremismo islamico in Turchia, Putin ha espresso il parere che Ankara piuttosto che contrastare i fondamentalisti ci collabora.

Tags:
Giornalismo, Censura, internet, Sputnik, mass media, Recep Erdogan, Konstantin Kosachev, Vladimir Putin, Turchia, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook