07:50 17 Agosto 2018
Migranti su una delle tante carrette del mare in navigazione nel mare tra la Libia e l'Italia.

Libia, un milione di potenziali migranti

© AFP 2018 / MAHMUD TURKIA
Mondo
URL abbreviato
226

L'allarme del generale italiano Paolo Serra: aiutiamo il Paese a ricostruire il tessuto economico.

Aiutare la Libia a risollevarsi economicamente per rimuovere le ragioni di un'emigrazione che dal Paese della sponda sud del mediterraneo sembra inesorabile. E' questo l'appello lanciato dal generale italiano Paolo Serra, nell'audizione al Parlamento italiano di questa mattina al comitato Schengen.

"In Libia ci sono un milione di potenziali migranti".

Questo quanto affermato dal consigliere militare di Martin Kobler, inviato delle Nazioni Unite per la risoluzione della crisi libica. Secondo l'opinione del generale Serra, che con il suo allarme va ad aggiungersi a quanti da giorni preannunciano imponenti arrivi di migranti provenienti dal Mediterraneo verso l'Italia, ha sottolineato la necessità di aiutare la Libia nella ricostruzione di un proprio tessuto economico, agricolo ed industriale, come condizione essenziale per arginare l'esodo verso l'Europa.

Sul piano della futura organizzazione interna della Libia, il generale Serra ha poi indicato la sfida rappresentata dalla creazione, definita necessaria, di un corpo militare "veramente statuali", partendo dalle 41 diverse milizie  presenti attualmente presenti a Tripoli. 

Correlati:

Obama: Errore intervenire nel 2011 in Libia
L'avanzata di Daesh in Libia non s'arresta, sul campo combattono sei mila miliziani
La Libia ha ancora tre governi
Quale futuro per la Libia
Tags:
rifugiati, migranti, profughi, crisi in Libia, Crisi dei migranti, ONU, Paolo Serra, Martin Kobler, Libia, Europa, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik