Widgets Magazine
09:34 19 Ottobre 2019
Thomas de Maiziere, il ministro degli Interni della Germania

Migranti, Berlino: Attenzione a rotta mediterranea

© REUTERS / Hannibal Hanschke
Mondo
URL abbreviato
301
Seguici su

Dopo il vertice di Metz tra Merkel e Hollande pubblicati i dati sull'afflusso di migranti in Germania: da inizio anno calo del 66%. In primavera previsti 300mila arrivi dal Mediterraneo.

A fronte dei 500mila migranti arrivati nell'ultimo trimestre del 2015, la Germania ha visto per il primo trimestre del 2016 un calo del 66%, con 170mila arrivi alle frontiere tedesche. A riferirlo è stato il ministro tedesco degli Interni Thomas De Maiziere nel corso di una conferenza stampa a Berlino. Il trend, ha poi spiegato il ministro tedesco, è in continua diminuzione, con 20mila profughi registrati in Germania nello scorso mese di marzo, dopo i 60mila di febbraio ed i 90mila di gennaio.

Sigillata la rotta balcanica, con il crollo di richieste di asilo di migranti provenienti dai Paesi dell'est Europa, l'attenzione di Berlino è adesso, come sottolineato anche ieri da Angela Merkel nella conferenza stampa seguita al vertice con Francois Hollande a Mets, sulla rotta mediterranea.

La Libia come piattaforma di partenza per nuove ondate migratorie, questo il timore della cancelliera. E' già successo in passato e, complice l'arrivo della bella stagione, il freno a est creato dall'accordo tra Turchia e Ue rischia di far convergere sulla rotta del Mediterraneo oltre 300mila migranti. "La nostra risposta deve essere quella di fare qualcosa per il processo di pace i Libia — ha detto Merkel ieri dalla Francia — come i ministri degli Esteri stanno facendo per la Siria".    

Correlati:

Grecia: Rivolta di migranti in un centro di ricollocazione
Migranti, Commissione europea: superare Convenzione Dublino
Il flusso di migranti continua a crescere
Migranti, Papa Francesco visiterà Lesbo
Migranti, scontri al Brennero tra polizia e manifestanti
Tags:
Thomas de Maiziere, Germania
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik