Widgets Magazine
21:42 20 Ottobre 2019
L'attaccato aeroporto Zaventem a Bruxelles

WSJ: Ancora liberi 22 jihadisti legati a Parigi e Bruxelles

© AP Photo / Peter Dejong
Mondo
URL abbreviato
202
Seguici su

Il quotidiano statunitense sulla rete di combattenti presente in Belgio, dopo aver visionato alcuni documenti dell'indagine sulla cellula che ha colpito Francia e Belgio.

Sarebbero ancora ventidue le persone, in qualche modo collegate agli attacchi del 13 novembre a Parigi e del 22 marzo a Bruxelles, ancora a piede libero. A riferirlo è stato il Wall Street Journal, che ha potuto prendere visione di alcuni documenti dell'inchiesta condotta dalla procura federale belga.

Secondo quanto riportato dal quotidiano statunitense dai documenti emergerebbe una vasta rete di giovani, prevalentemente immigrati di seconda generazione, che ha alimentato negli ultimi anni un sentimento di profonda avversione verso l'occidente, divenendo lo strumento del Daesh per colpire l'Europa.

Nelle carte visionate dal WSJ ci sarebbero anche le prove inconfutabili del ruolo centrale del quartiere Molenbeek di Bruxelles come snodo fondamentale per i futuri jihadisti. Un quartiere in cui per anni le cellule fondamentaliste avrebbero organizzato incontri segreti, prima ancora di diventare la centrale strategica per l'invio di foreign fighters in Siria.

Correlati:

Bruxelles: “All'aeroporto Zaventem spie del Daesh”
Bruxelles, Olanda contro Belgio: Vi avvertimmo sui fratelli kamikaze
Bruxelles, scarcerato sospetto. Ancora senza nome complice Zaventem
Tags:
Attentati terroristici a Bruxelles, attentato a Parigi, minaccia terroristica
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik