20:31 14 Agosto 2020
Mondo

UE può rendere obbligatorio scambio informazioni su terrorismo tra servizi segreti

Mondo
URL abbreviato
322
Seguici su

Attualmente le agenzie di intelligence europee spesso si rifiutano di condividere i dati sui sospetti terroristi. Si propone di rendere tale scambio obbligatorio e creare ad hoc un sistema speciale.

Lo scambio di informazioni in merito alla lotta contro il terrorismo potrebbe diventare obbligatorio tra i servizi segreti degli Stati membri della UE, segnala RIA Novosti riferendosi ad una fonte diplomatica a Bruxelles.

"Si prevede che per questo scopo verrà creato ad hoc un sistema speciale di scambio di dati", — ha detto la fonte.

Secondo l'interlocutore, i servizi segreti dei Paesi della UE spesso si rifiutano di condividere i dati sui sospetti terroristi. Ad esempio se in Francia una persona è nell'elenco dei potenziali terroristi, all'arrivo in Germania può non venire arrestata o sottoposta a sorveglianza immediatamente, dal momento che i servizi segreti francesi non sono obbligati a inserire queste informazioni nella banca dati di Schengen.

Nella riunione di emergenza del 24 marzo convocata in relazione agli attacchi terroristici nella capitale belga, i ministri degli Interni, della Giustizia e i direttori dei servizi segreti dei Paesi UE hanno deciso di istituire una task force di esperti per garantire la comunicazione tra le forze di polizia nazionali e le agenzie di intelligence e per ottenere un effettivo scambio di informazioni in materia di lotta al terrorismo.

Correlati:

Oltre la metà dei tedeschi si aspetta quest'anno attacchi terroristici in Germania
Per ex direttore CIA “la UE è un ostacolo per i servizi segreti e la sicurezza”
Putin: per combattere il terrorismo in modo efficace bisogna unire le forze
Lavrov: dinnanzi al terrorismo Russia spera che Europa rinunci a giochi geopolitici
Tags:
Schengen, Difesa, Sicurezza, Terrorismo, Cooperazione, Attentati terroristici a Bruxelles, Servizi Segreti, Unione Europea, UE
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook