04:07 18 Dicembre 2017
Roma+ 5°C
Mosca+ 1°C
    Militari iracheni

    L’esercito iracheno ha iniziato la liberazione della città di Hit dal Daesh

    © AFP 2017/ AHMAD AL-RUBAYE
    Mondo
    URL abbreviato
    1180

    All'operazione partecipano le forze di sicurezza e gruppi tribali con il sostegno degli aerei della coalizione internazionale e dell’aeronautica militare irachena. Il Daesh conta già perdite significative.

    Sabato l'esercito iracheno ha lanciato un attacco nei pressi della città di Hit, a ovest della città di Ramadi, capitale della provincia di Anbar, liberata alla fine dello scorso anno. lo ha reso noto il canale televisivo Alsumaria.

    "L'operazione per liberare la città di Hit e la vicina città di Qubaisi è iniziato stamattina con la partecipazione delle forze di sicurezza, dei gruppi tribali, e con il sostegno degli aerei della coalizione internazionale e ie dell'aeronautica militare irachena", ha fatto sapere il rappresentante del consiglio provinciale di Anbar, Sabah Karhut, al canale televisivo Alsumaria.

    Karhut ha osservato che i militari hanno lanciato l'offensiva dal fronte occidentale in direzione delle zone centrali della città. Allo stesso tempo, le forze aeree della coalizione hanno bombardato le posizioni del Daesh, causando loro notevoli perdite umane e materiali.

    Il Daesh è una delle principali minacce alla sicurezza globale. Per tre anni i terroristi sono riusciti ad impadronirsi di grandi territori in Iraq e Siria. Secondo varie stime, il territorio controllato dal Daesh potrebbe arrivare fino a 90 mila chilometri quadrati. I dati relativi al numero dei membri dell'organizzazione estremista va da 50 a 200 mila combattenti.

    Correlati:

    Daesh ha usato armi chimiche a Taza nel sud dell'Iraq
    Attacchi dell'Aviazione USA in Iraq su obiettivi del Daesh con armi chimiche
    Pentagono: l’operazione contro il Daesh in Siria e Iraq sarà intensificata
    Tags:
    ISIS, Distruzione obiettivi terroristici, offensiva, terrorismo, lotta contro il terrorismo, Iraq
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik