10:03 18 Dicembre 2017
Roma+ 4°C
Mosca+ 0°C
    Treno di profughi in Serbia

    Migranti, Oxfam critica accordo Ue-Turchia

    © AFP 2017/ Robert Atanasovski
    Mondo
    URL abbreviato
    354

    Diciannove organizzazioni impegnate in progetti umanitari per i rifugiati scrivono a Bruxelles: migranti non siano merce di scambio.

    Lettera di denuncia di Oxfam e altre 18 associazioni internazionali che si occupano di rifugiati nelle ore in cui si sta discutendo dell'accordo tra Turchia e Ue per la gestione dei flussi migratori verso il vecchio continente.

    "La decisione di spostare sulla Turchia le responsabilità europee sui migranti significherebbe una messa in discussione dei valori comunitari e l'abbandono degli obblighi di legge fondamentali".

    E' quanto si legge nel testo del documento, diffuso nella giornata di ieri alla vigilia dell'avvio dei lavori del terzo Consiglio europeo dedicato al delicato accordo con la Turchia. Secondo le organizzazioni firmatarie, un accordo come quello delineato in queste settimane rischierebbe di rappresentare un precedente pericoloso, "togliendo valore alla normativa che tutela i diritti umani", chiedendo ai leader europei di non accettare accordi che limitino il rispetto dei diritti fondamentali dei rifugiati.

    "La decisione di chiudere la cosiddetta 'rotta balcanica' è arrivata all'improvviso. l'Unione Europea ha messo da parte i suoi valori per assecondare la politica interna dei diversi stati — è l'opinione di una funzionaria Oxfam — L'Ue e la Turchia dovrebbero lavorare insieme, ma le recenti proposte hanno trasformato la questione migratoria in una sorta di mercato".

    Correlati:

    In Spagna petizione al Parlamento contro l'accordo UE-Turchia
    “Il vertice UE-Turchia celebra la morte dei valori dell'Europa”
    Tags:
    rifugiati, profughi, migranti, Crisi dei migranti, Oxfam, UE, Turchia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik