15:31 24 Gennaio 2020
Mondo
URL abbreviato
0 10
Seguici su

Un terremoto di magnitudo 9, il più potente mai registrato nella zona orientale, colpì l’isola con epicentro a 230 miglia a nord est di Tokyo e provocando oltre 15mila morti.

Oggi è il quinto anniversario del disastro che ha colpito la centrale nucleare di Fukushima, in Giappone. Esattamente cinque anni fa, un terremoto di magnitudo 9, considerato come il più potente mai registrato nella zona orientale, colpì l'isola con epicentro a 230 miglia a nord est di Tokyo e ad una profondità di quasi 15 miglia, creando uno tsunami che inondò un'area di circa 216 miglia quadrate o l'equivalente del 90 per cento dei 23 distretti speciali che compongono il nucleo di Tokyo.

Oltre la metà del territorio inondato si trovava nella prefettura di Miyagi. Un totale di 62 città e villaggi in varie prefetture furono colpiti provocando almeno 15.500 morti, 5.314 feriti, oltre 5.300 dispersi e 130.927 evacuati. Questi ultimi causati soprattutto dalla rottura del sistema di raffreddamento della centrale nucleare di Fukushima che provocò poi la fuoriuscita di radiazioni. Il disastro causò un danno all'economia giapponese stimato in oltre 215 miliardi di dollari.

Una commissione di esperti indipendenti — istituita per indagare l'incidente — pubblicò un rapporto il 28 febbraio 2012, nel quale si valutava come inefficace l'operato del governo giapponese nel trattare con l'incidente di Fukushima. Secondo il gestore dell'impianto, la Tokyo Electric Power Co (TEPCO), serviranno almeno 40 anni per ripristinare l'impianto.    

Correlati:

Hiroshima, Nagasaki e Fukushima le storie dei sopravvissuti
Fukushima, vertici Tepco a processo
Il Giappone si ferma a 4 anni da Fukushima
Tags:
Anniversario, Disastro di Fukushima, Giappone
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik