03:55 27 Giugno 2019
Danni dei bombardamenti ucraini nel Donbass (foto d'archivio)

Sempre più russi giudicano tesa la situazione nel Donbass

© Sputnik . Ilya Pitalev
Mondo
URL abbreviato
321

La maggioranza dei russi (70%) valuta come tesa la situazione in Ucraina orientale, riporta il centro di ricerca dell'opinione pubblica russa "Levada-Center".

"Nel febbraio 2016 il numero di russi che valuta la situazione in Ucraina orientale come "tesa" ha raggiunto il suo valore massimo: circa il 70% degli intervistati. Quasi uno su cinque (18%) rileva "la criticità e l'esplosività" di ciò che sta accadendo nella regione. Meno di un decimo degli intervistati (8%) crede nella prosperità e nella pace nella regione. La metà dei russi (51%) non prevede cambiamenti nel corso del prossimo anno, uno su cinque (22%) teme che la situazione in Ucraina orientale possa peggiorare," — si afferma in un comunicato.

Tuttavia l'interesse dei russi per gli eventi in Ucraina continua a scendere, solo il 38% continua a seguire da vicino la situazione. La maggior parte dei russi (60%) non ha interesse o è debolmente interessato.

"E' forte il reciproco atteggiamento negativo dei cittadini russi sull'Ucraina (59%), così come degli ucraini sulla Russia (47%). Sentimenti positivi dei cittadini ucraini nei riguardi della Russia sono superiori rispetto a quello dei russi riguardo l'Ucraina (36% vs 28%)", — si afferma nel comunicato.

Ma l'idea che la Russia e l'Ucraina debbano essere stati indipendenti ma amici (con frontiere aperte, niente visti, niente dogane, etc) viene condivisa da un russo su due (52%). Solo un terzo degli intervistati ritiene che debbano basarsi sul modello di cooperazione con altri Paesi, comprese frontiere chiuse, visti e dogane.

Il sondaggio è stato condotto dal 19 al 24 febbraio su un campione rappresentativo della popolazione nazionale urbana e rurale di 1.600 persone in 137 città di 48 regioni del Paese. I risultati sull'atteggiamento dei cittadini ucraini sono stati presi dall'Istituto Internazionale di Sociologia di Kiev, che aveva condotto un sondaggio tra il 5 e 15 febbraio, intervistando 2020 persone in 110 centri dell'Ucraina.

Nell'aprile 2014 il governo ucraino ha lanciato un'operazione militare contro le autoproclamate Repubbliche Popolari di Donetsk (DNR) e Lugansk (LNR), dopo che avevano dichiarato l'indipendenza dopo il colpo di stato in Ucraina di febbraio del 2014. Secondo gli ultimi dati delle Nazioni Unite, le vittime dall'inizio del conflitto sono più di 9mila persone. La normalizzazione della crisi viene discussa anche tramite il gruppo di contatto di Minsk, che da settembre 2014 ha adottato tre documenti che regolano le operazioni di de-escalation del conflitto, tra cui la tregua. Tuttavia, nonostante l'armistizio, tra le parti in conflitto continuano scontri isolati.

Correlati:

Kiev, Yatsenyuk vuole riprendere controllo di Donbass e Crimea con aiuto Occidente
Donbass e Siria, “ad USA non dispiacerebbe costringere la Russia a combattere su 2 fronti”
"I Giorni Neri dell'Ucraina", il dramma del Donbass come non ve l'hanno mai mostrato
Tags:
Sondaggio, Società, Russia, Donbass
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik