12:47 19 Giugno 2018
Peshmerga curdi

USA costruiscono base aerea in Siria vicino al confine con Turchia

© AP Photo / Hussein Malla
Mondo
URL abbreviato
66336

Gli Stati Uniti hanno iniziato a costruire una nuova base aerea a sud-est di Kobani. Secondo i media, sarà utilizzata sia per scopi militari che pacifici.

Molto probabilmente gli Stati Uniti hanno quasi completato la costruzione della prima base aerea in una zona controllata dai curdi nel nord della Siria ed hanno cominciato a costruire una seconda base nella stessa regione, riporta l'agenzia curda "BasNews" riferendosi al rappresentante delle "Forze Democratiche della Siria".

In precedenza era stato riferito che gli USA stavano costruendo una base aerea militare nella città agricola di Ramilan della provincia di Al Hassakia.

Nella base atterreranno gli elicotteri e gli aerei cargo statunitensi per consegnare armi e munizioni ai curdi. La zona in cui si trova la base è sotto il controllo dei curdi siriani. I rappresentanti delle autorità americane hanno confermato il dispiegamento di truppe speciali nella zona.

Secondo l'agenzia, gli Stati Uniti hanno quasi completato la costruzione della base di Ramilan ed hanno iniziato la costruzione di una nuova base aerea a sud-est di Kobani, vicino al confine turco. L'infrastruttura verrà utilizzata sia per scopi militari che pacifici.

In precedenza i rappresentanti curdi avevano riferito che la base aerea di Ramilan veniva utilizzata dagli elicotteri americani per le consegne di equipaggiamenti e come centro logistico.

Correlati:

Siria, curdi e milizie di Assad respingono attacco dei terroristi islamici su Aleppo
Siria: al-Nusra attacca i quartieri curdi di Aleppo
Curdi riprendono il controllo di città al confine tra Turchia e Siria: uccisi 70 jihadisti
Curdi accusano la Turchia di violazioni della tregua in Siria
La Turchia continua a bombardare i curdi in Siria
Diktat di Erdogan agli USA: “o noi o i curdi”
Tags:
Curdi, Difesa, Sicurezza, Confine, Aviazione, Siria, Turchia, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik