16:48 15 Gennaio 2021
Mondo

Corsa all'oro nero, Cipro apre il terzo round di esplorazioni nelle acque di Eratostene

Mondo
URL abbreviato
243
Seguici su

Il ministro dell'Energia cipriota ha annunciato, nelle scorse ore, i risultati più che incoraggianti delle analisi geofisiche e geologiche dell'area situata a circa cento chilometri a Sud dell'isola. Secondo le indagini preliminari la zona potrebbe ospitare giacimenti simili a quelli egiziani di Zohr.

"La grande novità di questi studi — ha affermato alla stampa locale Yiorgos Lakkotrypis, esponente dell'Esecutivo cipriota, — è rappresentata dal nuovo modello geologico sviluppato dopo la scoperta dei giacimenti egiziani di Zohr, che hanno dato una nuova prospettiva al futuro petrolifero della zona".

Il petrolio presente nell'area, prima della scoperta del bacino egiziano, era ritenuto di qualità meno competitiva rispetto a quello proveniente da altri mercati. In particolare i precedenti modelli geologici erano basati su fonti di provenienza dal Nilo, caratterizzati dalla presenza di rocce sabbiose come Afrodite, Leviathan e Tamar. Il giacimento presente nelle vicinanze di Eratostene ha (montagna sottomarina), secondo l'opinione dei tecnici a lavoro, caratteristiche e qualità di gran lunga superiori.

"Al momento sono stati individuati una serie di potenziali obiettivi nei pressi del monte sottomarino Eratostene — ha continuato il ministro del Petrolio. — Siti che presentano caratteristiche morfologiche molto simili a quelle rinvenute a Zhor. Per questo motivo molte compagnie petrolifere si sono già fatte avanti per procedere con ulteriori indagini nella Zee (ovvero Zona esclusiva economica) di Cipro. Al momento — ha concluso —, siamo in possesso di informazioni geologiche sufficienti per dare inizio ad un terzo round di licenze, sebbene al momento non sia stata ancora fatta una scoperta specifica".

L'interesse per l'isola del Mediterraneo e, soprattutto, per la sua Zee in connessione alle sue grandi potenzialità petrolifere, sono state palesate durante il recente World Economic Forum di Davos, al termine del quale il governo ha annunciato l'intenzione di voler procedere in tempi stretti a nuove indagini sottomarine. L'obiettivo è individuare la presenza di giacimenti simili a quello egiziano di Zohr, che ha una capienza stimata pari a circa 30mila miliardi di piedi cubi di gas.

Correlati:

Mentre l'Eni festeggia nuove trivellazioni in Egitto, il caso Regeni rimane al palo
Tags:
giacimento, Petrolio, Cipro, Egitto
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook