05:47 19 Novembre 2019
Il presidente e ultimo leader dell'Unione Sovietica, Mikhail Gorbachev

Russia, l’ex leader Gorbaciov compie 85 anni

© Sputnik . Ramil Sitdikov
Mondo
URL abbreviato
632
Seguici su

Nel 1990, è stato insignito del premio Nobel per la Pace per il suo "ruolo di primo piano nel processo di pace che oggi caratterizza parti importanti della comunità internazionale".

Il presidente e ultimo leader dell'Unione Sovietica, Mikhail Gorbaciov, festeggia oggi il suo 85esimo compleanno.

Gorbaciov è nato il 2 marzo 1931 da una famiglia di contadini a Privolnoye, un villaggio nel sud-ovest della moderna Russia. Ha iniziato a lavorare quando era ancora un ragazzino contribuendo a guidare una mietitrice in estate.

A 17 anni, Gorbaciov ha ricevuto l'Ordine della Bandiera Rossa del Lavoro per il contributo dato alla raccolta del grano.

Nel 1950, il futuro leader sovietico si iscrive all'Università di Mosca per laurearsi in legge cinque anni più tardi.

A partire dal 1980, ha scalato i ranghi, diventando prima membro del Politburo dell'Unione Sovietica, la massima autorità del Paese, per poi essere eletto segretario generale nel 1985, all'età di 54 anni.

Nel 1988, Gorbaciov è stato eletto Presidente del Soviet Supremo dell'Urss, diventando così capo di Stato. Nel 1990, durante il terzo Congresso straordinario dei deputati del Popolo è stato eletto presidente dell'Urss, l'ultimo della storia sovietica.

Tra il 1985 e il 1991, Gorbaciov ha cercato di riformare il sistema pubblico dell'Unione Sovietica, in un processo noto come "perestroika" ("ricostruzione"), un programma di riforma concentrato sul "ringiovanimento del socialismo". Il secondo programma di riforme politiche, noto come "glasnost" ("apertura") ha portato all'approvazione nel 1990 di una legge che ha abolito la censura di Stato: proprio in quell'occasione Gorbaciov chiese al famoso fisico nucleare e dissidente Andrei Sakharov di ritornare dal suo esilio politico lanciando al contempo una campagna su vasta scala per la riabilitazione delle vittime della repressione politica.

Nell'aprile del 1991, Gorbaciov ha firmato un accordo con i capi delle 10 repubbliche sovietiche per redigere un nuovo trattato in grado di per preservare l'Unione Sovietica. Anche se, appena un giorno prima della sua firma, il 20 agosto, del 1991, i più stretti collaboratori di Gorbaciov — tra cui i capi del ministero della Difesa, del ministero dell'Interno e del Kgb — organizzarono un colpo di stato, esortando Gorbaciov a dichiarare lo stato di emergenza o dimettersi. Dopo il fallimento dell'iniziativa Gorbaciov riprese in mano le redini del paese indebolito fino al 24 agosto giorno in cui annunciò un passo giù come segretario generale del Comitato centrale del partito comunista e le sue dimissioni nel dicembre dello stesso anno quando le ex repubbliche sovietiche istituirono la Comunità degli Stati Indipendenti (CSI), smantellando l'Urss.

Nel 1990, è stato insignito del premio Nobel per la Pace per il suo "ruolo di primo piano nel processo di pace che oggi caratterizza parti importanti della comunità internazionale".

Ha pubblicato anche diverse decine di libri tradotti in 10 lingue, e interpretato se stesso nel film di Wim Wenders "Faraway, So Close!".

Correlati:

Russia, Gorbaciov: Serve politica costruttiva per rafforzare pace a livello globale
Gorbaciov e la disgregazione dell'Urss: la Crimea ha messo la parola fine
Tags:
Anniversario, compleanno, Mikhail Gorbachev, URSS
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik