11:42 03 Dicembre 2020
Mondo
URL abbreviato
1101
Seguici su

Lavrov: Gruppi terroristici sono riusciti ad avere accesso alla documentazione tecnica e scientifica sulla produzione di armi chimiche, hanno gli equipaggiamenti ed esperti stranieri che sintetizzano gli agenti.

Mosca chiede una Convenzione contro il terrorismo che opera con le armi chimiche. Lo ha annunciato il ministro degli Esteri russo, Sergei Lavrov, durante una conferenza sul disarmo a Ginevra.

Secondo il capo della diplomazia della federazione, le leggi attuali "non risolvono la questione di proibire l'uso di armi chimiche ad attori non statali e soprattutto non definiscono queste azioni come crimini internazionali — ha sottolineato —. Inerire questi temi attraverso emendamenti alla Convenzione sulle armi chimiche è problematico, in quanto la procedura necessaria per adottarli è troppo complicata, lunga e farraginosa. Un modo più realistico e attuabile è creare una convenzione separata sul contrasto agli attacchi terroristici con armi chimiche".

Lavrov ha ricordato che ci sono indicazioni sul fatto che i terroristi in Medio Oriente e in Nord Africa hanno acquisito le capacità per creare armi gi questo tipo e che è in crescita il rischio di attacchi in Libia e nello Yemen.

"Ci sono informazioni sul fatto che gruppi terroristici siano riusciti ad avere accesso alla documentazione tecnica e scientifica sulla produzione di armi chimiche — ha concluso Lavrov; a rubare gli equipaggiamenti necessari dagli stabilimenti e ad attrarre esperti stranieri per sintetizzare gli agenti chimici".    

Correlati:

Lavrov: indagare sull’uso delle armi chimiche
Cia: Daesh pronta ad usare armi chimiche in Occidente
Libia, allarme da ex consigliere di Gheddafi: armi chimiche ai terroristi del Daesh
Parigi avverte: terroristi islamici potrebbero usare armi chimiche o biologiche
Tags:
Armi chimiche, Lotta al terrorismo, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook