22:54 18 Giugno 2018
Il generale Igor Konashenkov

Siria: attivato il centro di coordinamento per la riconciliazione

© Sputnik . Ministry of defence of the Russian Federation
Mondo
URL abbreviato
5131

Il Centro di ooordinamento per la riconciliazione delle parti in conflitto è stato creato nella base aerea russa di Hmeymim in Siria,e ha già iniziato a lavorare. Lo ha riferito il portavoce ufficiale del ministero della Difesa russo, il generale Igor Konashenkov.

«In conformità con l'accordo russo-americano del 22 febbraio sulla cessazione delle ostilità in Siria, per la realizzazione di un meccanismo di controllo per il rispetto del regime tregua, nella base aerea russa di Hmeymim è stato istituito ed è entrato in servizio il Centro di coordinamento per la riconciliazione delle parti in conflitto sul territorio della Repubblica araba siriana» ha annunciato Konashenkov.

Secondo lui, i principali compiti del Centro di coordinamento sono quelli di facilitare il processo di riconciliazione tra le autorità siriane e l'opposizione, ad eccezione del Daesh, di al-Nusra e delle altre organizzazioni terroristiche riconosciute come tali dal Consiglio di sicurezza Nazioni Unite; la conclusione degli accordi di cessate il fuoco, e l'organizzazione della consegna degli aiuti umanitari.

Come sottolineato da Konashenkov, i rappresentanti dei gruppi di opposizione in Siria, che hanno deciso di cessare le ostilità e iniziare i colloqui di pace, possono rivolgersi 24 ore su 24 al Centro di coordinamento tramite un unico numero telefonico. A tutti quelli che si rivolgeranno al centro di coordinamento sarà fornita la massima assistenza nell'organizzazione dei contatti con le autorità siriane.

Correlati:

Russia e USA hanno annunciato l’accordo sul cessate il fuoco in Siria
La Cina accoglie con favore l'accordo Russia-USA per la tregua in Siria
Tags:
coordinamento riconciliazione, Aiuti umanitari russi in Siria, Crisi in Siria, Conflitto in Siria, tregua, Tregua in Siria, Russia, Siria
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik