20:22 17 Febbraio 2018
Roma+ 12°C
Mosca-5°C
    Migranti

    Novemila migranti bloccati tra Grecia e Macedonia

    © AFP 2018/ Angelos Tzortzinis
    Mondo
    URL abbreviato
    240

    I limiti imposti da Vienna rallentano la rotta balcanica, mentre prosegue da giorni il braccio di ferro tra Atene e Skopje che si rimpallano le responsabilità.

    La polizia greca ha iniziato questa mattina a trasferire ad Atene alcune centinaia di migranti afghani rimasti bloccati, con moltissimi altri profughi privi di documenti, al confine tra Grecia e Macedonia. La decisione del governo di Skopje di non accogliere più migranti provenienti dall'Afghanistan ha mandato in tilt l'intera rotta dei Balcani, già rallentata dalle nuove stringenti misure adottate da Vienna ai suoi confini.

    I migranti afghani respinti alla frontiera di Idomene, questa la tesi macedone, sono profughi arrivati in Slovenia, Croazia e Serbia e successivamente ricondotti in Macedonia. Il rimpallo delle responsabilità di questi ultimi giorni ha contribuito a far lievitare il numero dei migranti che, nel frattempo, sono giunti a quel confine.

    Nella regione d'Europa oggi maggiormente nell'occhio del ciclone, sale la tensione. Ieri il governo di Atene ha reso noto di avere intrapreso azioni diplomatiche per protestare contro l'atteggiamento degli Stati confinanti. 

    Correlati:

    Grecia responsabile della crisi migratoria europea
    Grecia, entro mercoledì apertura hot spot
    Tags:
    Crisi dei migranti, Macedonia, Grecia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik