18:55 17 Dicembre 2018
Mevlut Cavusoglu

La Turchia insiste: truppe di tutta la coalizione USA anti-Daesh in Siria

© AP Photo / Andrew Harnik
Mondo
URL abbreviato
10020

La questione dell'operazione di terra in Siria è stata già sollevata, anche se al momento non è stata intrapresa alcuna discussione seria all'interno della coalizione, aveva riferito in precedenza il ministro degli Esteri turco. Ora, secondo il capo della diplomazia di Ankara, la questione non è all'ordine del giorno.

Il ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu ha affermato che la questione dell''operazione di terra in Siria non è attualmente all'ordine del giorno, segnala la "Reuters".

Nel corso di una conferenza stampa ad Ankara ha sostenuto che in qualsiasi operazione di terra in Siria dovrebbero essere coinvolti tutti i Paesi membri della coalizione.

In precedenza il ministro degli Esteri turco aveva riferito che la strategia sull'operazione di terra in Siria non era stata discussa seriamente all'interno della coalizione, dal momento che diversi Paesi si oppongono a questa opzione.

In precedenza le autorità saudite avevano dichiarato che per combattere il terrorismo erano disposte ad inviare truppe in Siria, a condizione che l'eventuale operazione sia gestita dal comando della coalizione internazionale guidata dagli Stati Uniti. Era stato riferito che Riyadh avrebbe potuto inviare in Siria diverse migliaia di soldati e l'operazione sarebbe potuta essere coordinata con la Turchia. Anche il Qatar aveva manifestato interesse ad unirsi all'operazione di Riyadh.

Correlati:

Erdogan ha dichiarato che la Turchia ha il diritto di combattere il terrorismo all’estero
I giochi pericolosi di Erdogan in Siria
Della politica di Erdogan restano le rovine
Assad mette in guardia Turchia e Arabia Saudita dall'invasione in Siria
Arabia Saudita discute i dettagli e la data dell'invio delle truppe in Siria
Tags:
ISIS, Mevlüt Çavuşoğlu, Terrorismo, Difesa, Sicurezza, Coalizione USA anti ISIS, Esercito, Siria, Turchia, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik