11:16 19 Agosto 2017
Roma+ 23°C
Mosca+ 24°C
    A Syrian red crescent ambulance arrives to evacuate wounded from the area of the Sayyida Zeinab shrine south of Syria's capital Damascus on February 21, 2016, after a series of attacks, targetted the Shiite shrine area

    Damasco e Homs, il bilancio delle vittime sale a 150

    © AFP 2017/ STR
    Mondo
    URL abbreviato
    318306

    Nella raffica di attentati che ha colpito ieri la Siria e rivendicati dal Daesh si aggrava il bilancio delle vittime. La controffensiva dei fondamentalisti sulla strada che porta ad Aleppo.

    La controffensiva del Daesh in Siria dopo gli attentati che hanno colpito Homs e Damasco nelle ultime ore si starebbe concentrando in queste ore sulla strada che collega la capitale siriana con Aleppo, a sud del lago Jabbul ma l'esercito siriano, secondo quanto riportato dall'Osservatorio per i diritti umani siriano, starebbe già riprendendo il controllo dell'area dopo avere ucciso almeno 50 miliziani.

    Il bilancio delle vittime della raffica di attentati che ha colpito ieri Damasco e Homs, rivendicati tramite il network jihadista Amaq, è stato tragicamente aggiornato oltre le 155 vittime. Entrambi gli obiettivi del Daesh erano zone già colpite in precedenza. Se infatti i quartieri della capitale colpiti ieri erano stati oggetto di attacchi a fine gennaio, con la morte di oltre 70 persone nei pressi di un mausoleo sciita, anche nel caso di Homs, città sotto il controllo dell'esercito governativo, non è il primo attentato, dopo quelli del mese scorso che avevano provocato la morte di 22 civili. 

    Correlati:

    Damasco: 30 morti in una serie di attentati terroristici
    Siria: duplice attentato a Homs. Ci sono vittime
    Tags:
    Vittime, Attentato suicida, Attentati, Daesh, Damasco, Siria
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik