11:46 20 Agosto 2017
Roma+ 25°C
Mosca+ 23°C
    Presidente siriano Bashar Assad

    Assad accusa, coalizione di 80 Paesi a sostegno dei terroristi in Siria

    © AP Photo/ SANA, File
    Mondo
    URL abbreviato
    222509501

    Secondo Assad, i terroristi godono di supporto logistico, armi e uomini forniti da decine di Paesi.

    Il sostegno della Russia e dell'Iran sicuramente ha giocato un ruolo importante nell'avanzata dell'esercito siriano, ha affermato in un'intervista al quotidiano spagnolo El Pais il presidente siriano Bashar Assad.

    "Senza dubbio il sostegno russo e iraniano è stato fondamentale per l'avanzata del nostro esercito. Questo non significa che da soli non saremmo stati in grado di raggiungere questi risultati, si tratta di una domanda ipotetica. Intendo dire che nessuno ha una risposta chiara," — ha detto il presidente siriano.

    Ha riconosciuto che la Siria "ha sicuramente bisogno di questo supporto per il semplice fatto che ci sono 80 Paesi che sostengono in vario modo i terroristi." "Alcuni di loro espressamente assicurano denaro, supporto logistico, armi o uomini, mentre altri offrono sostegno politico nei vari incontri internazionali," — ha rilevato il capo di Stato siriano.

    "La Siria è un piccolo Paese, siamo capaci di combattere, ma in ultima analisi esiste un appoggio incondizionato ai terroristi, è ovvio che in questa situazione ci sia dietro il sostegno internazionale," — ha aggiunto Assad.

    Correlati:

    Assad mette in guardia Turchia e Arabia Saudita dall'invasione in Siria
    “La resistenza di Assad e l'avanzata dei curdi hanno messo in trappola la Turchia”
    “Successi dell'esercito di Assad hanno portato alla disperazione Turchia e Arabia Saudita”
    Diplomazia Assad avverte: sarà annientato qualsiasi intervento militare straniero in Siria
    Assad confronta risultati Russia e coalizione USA e giudica intervento Londra e Parigi
    Tags:
    Politica Internazionale, Terrorismo, Daesh, Bashar al-Assad, Iran, Siria, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik