22:05 21 Settembre 2020
Mondo
URL abbreviato
0 110
Seguici su

Attualmente in Kirghizistan si trovano circa due miliardi di tonnellate di scorie tossiche e radioattive che risalgono all’epoca dell’Unione Sovietica.

Il governo del Kirghizistan insieme alla corporazione statale russa Rosatom ha iniziato il lavoro di smaltimento di due grandi bacini di scorie radioattive industriali che si trovano nei centri abitati di Min-Kush e Kadzhi-Saj. Lo ha comunicato giovedi il dipartimento assistenza informativa dell'apparato governativo del paese.

In Kirghizistan in questo momento si trovano circa 90 bacini e bunker sotterranei, nei quali sono stoccati oltre due miliardi di tonnellate di scorie tossiche e radioattive. I bacini sono stati creati in Kirghizistan al tempo dell'Unione Sovietica, quando nella repubblica si eseguiva attivamente l'estrazione e la lavorazione dell'uranio per l'industria bellica sovietica. Secondo gli ecologi, in caso di infiltrazione di queste sostanze radioattive nei bacini dei fiumi dell'Asia centrale, nella zona ci sarebbe il rischio di una contaminazione radioattiva che colpirebbe oltre cinque milioni di persone.

Il governo del Kirghizistan riconosce che attualmente la repubblica non è autonomamente in grado di eseguire un tempestivo smaltimento dei rifiuti radioattivi, dato che il servizio che richiede diversi milioni di dollari all'anno.

"Per la stabilizzazione della situazione dei bacini di urano ogni anno dal bilancio dello stato si attingono risorse finanziarie. Ma i problemi su scala comune non permettono di garantire la loro soluzione soltanto con le nostre forze" ha evidenziato il governo del paese.

Attuamente i lavori procedono nell'ambito del programma della Comunità economica eurasiatica "bonifica dei territori degli stati membri della Comunità che sono sottoposti all'influenza dell'estrasrazione e della lavorazione dell'uranio".

Grazie ai mezzi concessi dalla Russia sarà creato un sistema di monitoraggio dell'ambiente circostante; sarà realizzata la riabilitazione delle infrastrutture sociali ed economiche; e saranno organizzate iniziative impreditoriali locali di finanziamento per migliorare la condizione socio-economica della popolazione. Si prevede che nel progetto si possa dare una mano a quasi 15 mila abitanti locali.

Tags:
Uranio, Scorie radioattive, Materiale radioattivo, Kirghizistan, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook