23:22 21 Settembre 2017
Roma+ 12°C
Mosca+ 11°C
    Caccia russo Su-25 in Siria (foto d'archivio)

    Boston Globe: USA devono ammettere che la Russia ha ragione sulla Siria

    © Sputnik. Dmitry Vinogradov
    Mondo
    URL abbreviato
    152612352

    Mosca aveva messo in guardia dalle conseguenze dell'intervento USA in Afghanistan e in Iraq e le sue previsioni si sono avverate. Nel conflitto siriano la Russia ancora una volta si è rivelata più lungimirante degli Stati Uniti. Washington dovrebbe riconoscere la convergenza degli interessi con la Russia e sostenere la strategia di Mosca in Siria.

    La strategia russa per la soluzione del conflitto siriano è più elaborata rispetto a quella degli Stati Uniti, ha scritto in un articolo per il "Boston Globe" il noto giornalista americano Stephen Kinzer, collaboratore dell'Istituto di Relazioni Internazionali "Watson" della Brown University.

    La politica di Washington verso la Siria sin dall'inizio non era corretta. Prendendo la posizione a sostegno del rovesciamento del presidente Bashar Assad, gli Stati Uniti hanno sostanzialmente negato ogni possibilità al dialogo tra il governo e l'opposizione ed hanno contribuito all'inasprimento del conflitto nel Paese, scrive l'analista.

    Allo stesso tempo il rovesciamento di Assad in Siria avrebbe creato un "vuoto catastrofico" che sarebbe stato colmato dai rappresentanti delle organizzazioni terroristiche e fondamentaliste islamiche. Consapevole di questa minaccia, la Russia sta cercando di impedire la sconfitta delle truppe governative, scrive Kinzer. A suo avviso gli Stati Uniti dovrebbero seguire questa linea.

    "Il nostro Paese sarebbe molto più sicuro e avrebbe potuto contribuire all'instaurazione della stabilità nel mondo se in passato avessimo seguito la Russia in politica estera," — ritiene l'autore dell'articolo.

    Ha inoltre ricordato le conseguenze dell'intervento USA in Afghanistan e in Iraq.

    "In entrambi i casi la Russia aveva ragione, Riguardo la Siria ha avuto ragione per la terza volta,", — si evidenzia nell'articolo.

    Washington dovrebbe riconoscere la convergenza di interessi con la Russia e sostenere la sua strategia siriana, altrimenti lo spargimento di sangue nella regione continuerà, conclude Kinzer.

    Allo stesso tempo, a suo parere, il no alla collaborazione potrebbe causare più danni agli Stati Uniti che alla Russia.

    Correlati:

    La Russia può essere alleata degli USA? Lite tra Trump e Jeb Bush durante dibattito tv
    Per intelligence Berlino “vittoria di Assad in Siria è ormai inevitabile, Russia decisiva”
    USA e Russia vicini ad un compromesso su Ucraina e Siria
    Media Occidentali a corto di verità sulla Siria
    Medvedev: l’importante è mantenere unita la Siria
    Assad: rischio invasione Siria di Turchia e Arabia Saudita, ma resisteremo
    Tags:
    Terrorismo, Cooperazione, Geopolitica, Politica Internazionale, Difesa, Sicurezza, Daesh, Bashar al-Assad, Medio Oriente, Iraq, Siria, Afghanistan, USA, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik