17:55 26 Ottobre 2020
Mondo
URL abbreviato
0 10
Seguici su

Scontro tra esponenti dei cartelli della droga in un penitenziario nel nordest del Messico: almeno 60 morti. Nei prossimi giorni Papa Francesco visiterà il carcere di Ciudad Juarez.

E' prevista per il prossimo 17 febbraio la visita di Papa Francesco al carcere di Ciudad Juarez. Nel corso del viaggio pastorale appena iniziato, in cui prima del Messico farà tappa a l'Havana, Bergoglio celebrerà messa e assisterà alla scarcerazione di 50 detenuti.

Pochi giorni del suo arrivo un altro penitenziario messicano è stato teatro di violenti scontri tra due cartelli rivali, sedati solo con l'intervento dell'esercito. Al termine della rivolta si contano almeno 60 vittime ed una settantina di feriti. Secondo le prime ricostruzioni offerte dell'autorità del carcere di Topo Chico nella città di Monterrey, nello Stato nordorientale di Nuevo Leon, esponenti dei Los Zetas si sarebbero scontrati con uomini del Cartello del Golfo fino all'intervento dell'esercito, entrato in azione per sedare le violenze. Nel frattempo un'ala della struttura veniva data alle fiamme, generando il panico tra i detenuti e scatenando l'attenzione di molti loro familiari, giunti all'esterno del penitenziario e fatti entrare insieme al personale medico, a rivolta terminata, per verificare le loro condizioni di salute. 

Correlati:

Il Parlamento ucraino propone 12 anni di carcere per la parola “Russia”
Mosca: con Obama chiusura carcere di Guantanamo poco probabile
Egitto, Morsi condannato a 20 anni di carcere
Tags:
scontro, Cartello, Papa Francesco, Messico
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook