06:40 26 Settembre 2018
Turisti in aeroporto

Nelle località turistiche italiane si passerà alla formula “all inclusive” per i russi

© Sputnik . Georgiy Kurolesin
Mondo
URL abbreviato
2150

Ora la percentuale di russi oscilla solo tra il 4% e 5% del numero totale di turisti in Italia, tuttavia questa cifra può essere raddoppiata.

Le autorità e l'industria del turismo dell'Emilia Romagna hanno iniziato a formulare proposte "all inclusive" (tutto compreso) progettate specificamente per i russi. Come riportato sul sito dall'Agenzia Federale del Turismo russa (Rosturism), lo ha comunicato al direttore del dipartimento Roman Skory il direttore dell'Aeroporto Internazionale "Federico Fellini" di Rimini Leonardo Corbucci.

Ha osservato che l'Emilia-Romagna ha buone infrastrutture per le vacanze al mare per tutta la stagione

Roman Skory ha risposto dicendo che uno degli ostacoli che limitano il flusso turistico russo in Italia è il costo relativamente alto dell'aereo. Ha aggiunto che una delle opzioni per ridurre il prezzo dei biglietti aerei potrebbero essere delle sovvenzioni stanziate dall'industria turistica italiana.

Oltre alle spiagge e ai locali per il divertimento per cui l'Emilia-Romagna attrae i viaggiatori, la regione è famosa per le sue cantine, dove vengono organizzati tour gastronomici. Proprio in questa regione sono nate le lasagne e il ragù alla bolognese.

Nel dicembre 2015 l'albergatore italiano Alessandro Casula aveva esortato i suoi colleghi a sfruttare il deflusso dei turisti russi in Turchia e in Egitto, rimproverando loro la poca attenzione al mercato russo. Casula ha notato che ora la percentuale di russi oscilla solo tra il 4% e 5% del numero totale di turisti in Italia, tuttavia questa cifra può essere raddoppiata.

Correlati:

Russia, imprese italiane premono per stop a sanzioni
Italia-Russia, ambasciatore Razov: “Interessi su agricoltura e turismo”
L’Italia resta una meta amata dai russi?
Tags:
Società, Turismo, Rosturism, Alessandro Casula, Roman Skory, Emilia-Romagna, Russia, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik