00:36 20 Agosto 2017
Roma+ 26°C
Mosca+ 22°C
    Tripoli, Libia

    Libia, reparti speciali e aerei italiani contro Daesh

    © Foto: wikimedia.org
    Mondo
    URL abbreviato
    599719

    Mentre i leader internazionali continuano ad invocare il varo del governo di unità libico, prende forma la coalizione internazionale ed i ruoli dei singoli Paesi.

    Trovano le prime conferme le indiscrezioni pubblicate pochi giorni fa dal New York Times sul fronte libico aperto da Stati Uniti, Francia, Regno Unito e Italia, nonostante le discussioni a livello politico per raggiungere un governo di unità nel Paese siano ancora da venire. Si fanno sempre più insistenti le voci di un piano già pronto, dopo che ieri il Sunday Times aveva rivelato che i caccia della Royal Air Force britannica sarebbero pronti ad alzarsi per colpire i primi obiettivi del Daesh in Libia.

    Oggi è il giornale italiano La Stampa a riferire aspetti più specifici di quelle che sarebbero state le richieste americane agli alleati nella regione. Per l'Italia sarebbe stato richiesto, nonostante quelle che secondo il quotidiano torinese è la linea "non interventista e pacifista" adottata dal premier Renzi, l'impiego di caccia Tornado e di reparti speciali "di piccole dimensioni, ma di forte impatto operativo".

    L'Italia dalla sua parte, secondo la ricostruzione operata dal giornale italiano, non sarebbe disponibile a spingersi oltre la formazione e addestramento delle forze di polizia libiche e alla protezione di siti sensibili come aeroporti e giacimenti petroliferi.

    "Se fallisce il tentativo di un nuovo governo — ha ammonito oggi il ministro italiano della Difesa Pinotti — c'è il rischio di una nuova Somalia". Infine, rispondendo ad una domanda sull'ipotesi di un intervento militare: "certo che ci saranno i militari — ha confermato — ma non bisogna arrivare con soluzioni esterne". 

    Correlati:

    Libia, il nuovo fronte
    Parigi si prepara all’attacco in Libia. Ecco come
    Libia, Germania non esclude intervento militare
    Le Figaro, la Francia verso l’intervento militare in Libia
    Italia pronta a raid in Libia
    Libia, l’Occidente cerca prove per legittimare un nuovo attacco militare
    Tags:
    Tornado, Lotta al terrorismo, Governo libico, Daesh, Roberta Pinotti, Matteo Renzi, Gran Bretagna, Italia, Libia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik