03:55 20 Agosto 2017
Roma+ 24°C
Mosca+ 18°C
    Bandiera Unione Europea

    Londra e Bruxelles hanno raggiunto un accordo sulla legislazione UE

    © Foto: Flickr
    Mondo
    URL abbreviato
    121123

    Le parti si sono accordate i membri dell’UE possono bloccare o richiedere l’introduzione delle modifiche alla legislazione della Comunità.

    Londra e Bruxelles hanno raggiunto l'accordo principale sul meccanismo di bloccaggio della legislazione EU che è dannosa per gli stati della Comunità. Lo ha comunicato martedi RIA Novosti citando una fonte all'Europarlamento.

    "L'accordo principale è stato raggiunto. Secondo le informazioni che ho a disposizione, gli stati dell'UE, che rappresentano il 55% dei membri della Comunità, possono bloccare o richiedere l'introduzione delle modifiche alla legislazione" ha detto la fonte dell'agenzia.

    Martedi il capo del Consiglio europeo Donald Tusk per il mantenimento della Gran Bretagna nell'UE ha promesso di pubblicare un progetto delle proposte per il raggiungimento degli accordi con Londra, la quale insiste sulle riforme nell'UE alla vigilia del referendum sull'appartenenza della Gran bretagna all'Unione. Secondo Tusk, raggiungeranno un processo significativo, ma "rimangono questioni irrisolte".

    Il primo ministro britannico David Cameron, nell'ambito dei negoziati con l'Unione Europea sulla modifica dei termini dell'appartenenza della Gran Bretagna alla Comunità, ha avanzato richieste in quattro settori: concorrenza, sovranità, politica sociale e di gestione economica.

    La cosa più difficile per l'UE è accettare di concedere a Londra il diritto di non pagare le prestazioni sociali ai migranti provenienti dai paesi dell'Unione Europea nel corso dei primi quattro anni dal loro arrivo. Si sono dichiarati contrari a questa opzione i paesi dell'Europa dell'est.

    L'UE ha fatto una controproposta, che prevede misure più indulgenti nei confronti dei migranti. Ora l'Unione Europea sta sviluppando un sistema, chiamato dai media "freno d'emergenza", che permetterebbe al Regno Unito e di qualsiasi altro paese dell'UE di limitare l'accesso alle prestazioni sociali dei migranti provenienti da altri Stati dell'Unione, se si riesce a motivare l'onere eccessivo per il sistema sociale.

    Infine, la posizione delle parti deve essere accordata al vertice dei capi di stato dell'UE il 18 febbraio, che dovrà approvare il progetto delle proposte legislative.

    Il referendum nel Regno Unito sulla conservazione dell'adesione all'UE dovrebbe aver luogo entro la fine del 2017, tuttavia, secondo molte previsioni, potrebbe avvenire nel 2016. Lo stesso Cameron ha detto che il Regno Unito dovrebbe rimanere in Europa, ma soggetto a una riforma seria e alla rinegoziazione dei termini di adesione del Regno Unito.

    Correlati:

    Renzi ancora contro UE: Noi salviamo vite
    La Germania ha perso un milione di posti di lavoro per le sanzioni UE vs Russia
    Cameron vuole limitare l'accesso alle prestazioni sociali per i migranti dall'UE
    I dissidi interni all'UE non ostacolano il "Nord Stream 2"
    Tags:
    modifica, Legislazione, Accordo, riforme, Unione Europea, Gran Bretagna
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik