06:22 18 Febbraio 2018
Roma+ 14°C
Mosca-6°C
    Sede dell'Assemblea Parlamentare del Consiglio d'Europa (PACE)

    La Russia salterà la prossima sessione del Consiglio d’Europa

    © Foto: PACE official website
    Mondo
    URL abbreviato
    2150

    La Russia riprenderà il suo lavoro all’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa solo quando le verranno restituiti i pieni poteri, senza eccezioni. Lo ha dichiarato lo speaker alla Duma Sergei Naryshkin.

    Alla vigilia della sessione invernale dell'Assemblea parlamentare del Consiglio d'Europa, Mosca non ha inviato i documenti necessari per la conferma della delegazione plenipotenziaria e ha dichiarato ha dichiarato che salterà questa sessione. 

    La Federazione Russa è intenzionata a tornare nell'Assemblea se saranno riabilitati i pieni poteri sottratti a causa della posizione sulla Crimea negli anni 2014-2015, e saranno create le condizioni necessarie per il dialogo. Allo stesso tempo, Mosca ha sottolineato che non ha intenzione di troncare le relazioni con il Consiglio d'Europa nel suo insieme.

    "Vorrei ribadire che riprenderemo il lavoro presso l'Assemblea parlamentare del Consiglio d'Europa, quando verranno restituiti alla delegazione russa i pieni poteri, senza eccezioni. Si sa, il modo in cui dietro le quinte cercano di fare allusioni, per così dire, per portare le informazioni, diciamo così, mercanteggiamo, si accetta affinché torni una certa autorità. No! Per noi, è semplicemente inaccettabile. Per lo stato più grande del continente europeo, la Federazione Russa, è semplicemente impossibile!", ha detto Naryshkin.

    Correlati:

    Russia, a ottobre probabile ritorno in Assemblea parlamentare Consiglio d'Europa
    La Russia non ha intenzione di uscire dal Consiglio d'Europa
    Segretario del Consiglio d'Europa non si aspettava assenza della delegazione russa al PACE
    Tags:
    Assemblea parlamentare, Autorità, Poteri, Consiglio d'Europa, Unione Europea
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik