15:57 21 Ottobre 2017
Roma+ 22°C
Mosca+ 3°C
    Estrazione petrolio

    “I prezzi bassi del petrolio non sono più un vantaggio per l'Occidente”

    © AP Photo/ Hasan Jamali
    Mondo
    URL abbreviato
    234519262

    I prezzi bassi del petrolio si tradurranno in gravi conseguenze per l'Occidente, scrive il tabloid tedesco “Frankfurter Rundschau”. I prezzi bassi delle materie prime rischiano di destabilizzare proprio quelle aree da cui arriva in Europa la maggior parte dei migranti.

    I Paesi occidentali, come la Germania, sono abituati a gioire dei prezzi bassi del petrolio, che venivano accettati con estrema soddisfazione. Tuttavia ora stanno cominciando a rendersi conto che la destabilizzazione economica globale inizia a spingere sui fianchi, scrive "Frankfurter Rundschau".

    I prezzi delle materie prime determinano non solo il reddito di milioni di persone, ma da loro dipende il destino dei governi e l'equilibrio politico in regioni come l'America Latina e l'Africa. Il petrolio così economico potrebbe fomentare il malcontento nei Paesi già fragili e creare nuove aree di escalation e crisi nell'arena internazionale, scrive la rivista.

    Paesi dipendenti dal prezzo degli idrocarburi, del rame e della soia sopportano molto difficilmente la crisi. Ad esempio i "giganti africani", come il Sudafrica e la Nigeria, stanno subendo enormi perdite economiche e trascinano nel baratro il resto del continente.

    Preoccupate per il rischio del collasso dell'economia nazionale, le persone tendono a migrare verso l'Unione Europea, nonostante la crisi dei profughi stia già minando la prosperità e la stabilità delle nazioni "ricche".

    Sotto la pressione dei bassi prezzi delle materie prime, si verifica una destabilizzazione di massa proprio di quelle regioni da cui arriva in Occidente la maggior parte degli immigrati, pertanto un fattore molto positivo come il basso prezzo della benzina può trasformarsi in un beneficio trascurabile rispetto ai danni di nuove ondate di migrazione, si osserva nell'articolo.

    Correlati:

    “Il crollo del prezzo del petrolio ha cause politiche ed è diretto contro alcuni Paesi"
    Putin ha discusso di petrolio con il presidente del Venezuela Maduro
    Petrolio sopra 50 $, Assad resta e Merkel lascia: previsioni del Financial Times per 2016
    Cosa può far volare il prezzo del petrolio sopra i 250 dollari?
    Emergenza economica in Venezuela
    Tags:
    migranti, profughi, Borsa&Mercati, Geopolitica, Politica Internazionale, Energia, Società, Economia, Occidente, materie prime, Crisi dei migranti, crisi, Petrolio, gas, Sudafrica, America Latina, Nigeria, Africa
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik