21:15 21 Ottobre 2017
Roma+ 18°C
Mosca+ 0°C
    Ashton Carter

    Gli utenti dei social network sulla possibilità delle operazioni terrestri USA in Siria

    © AP Photo/ Susan Walsh
    Mondo
    URL abbreviato
    5735120

    “Benvenuti nel 2001”, hanno commentato gli utenti dei social network la dichiarazione del capo del Dipartimento della difesa degli USA sull’intenzione di condurre un’operazione terrestre in Iraq e Siria.

    Venerdi il Ministro della difesa USA Ashton Carter ha annunciato l'intenzione di impiegare le truppe terrestri nella lotta contro il gruppo terroristico Daesh in Siria e in Iraq. In precendenza, il Presidente Barak Obama aveva dichiarato che gli USA non si stanno preparando a immischiarsi in una nuova vasta guerra in Siria e Iraq. Infatti, al momento dell'appello alla nazione il 7 dicembre, Obama aveva evidenziato che ciò "avrebbe portato alla morte di migliaia di militari e al prosciugamento delle risorse".

    Gli utenti di Twitter hanno accolto con disapprovazione la dichiarazione di Carter sull'intenzione di condurre un'operazione terrestre in Iraq e Siria.

    "Ci risiamo", ha scritto Gina Genochio.

    ​"7 agosto 2014: bombardamenti "umanitari" in Iraq. 22 gennaio 2016: operazione terrestre in Iraq", ha commentato Adam H. Johnson.

    "E' proprio il giorno della marmotta", afferma Levi.

    ​"Benvenuti nel 2001", scrive Bleed Crimson.

    ​"Più tutto cambia, più rimane come prima. Più guerra!" ha commentato un utente con il nickname Cypherdivine.

    Correlati:

    Coalizione USA impegnerà truppe terrestri in Siria e Iraq
    Lavrov: USA hanno avanzato proposte per coordinarsi con la Russia in Siria
    Siria, i colloqui trilaterali Russia-Usa-Onu si terranno il 13 gennaio
    Tags:
    lotta contro il terrorismo, scontro militare, Esercito USA, terrorismo, Truppe terrestri USA in SIria e Iraq, operazione militare, Pentagono, Ashton Carter, Barack Obama, Iraq, Siria, USA
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik