14:15 19 Aprile 2019
David Cameron, il premier britannico

Yemen: il gioco sporco di Cameron

© REUTERS / Justin Tallis/Pool
Mondo
URL abbreviato
14230

Dietro i raid aerei sauditi, l'esercito britannico.

Un operatore di Medici Senza Frontiere e più di 20 yemeniti, tra cui alcuni bambini, sono stati uccisi in un bombardamento della coalizione a guida saudita a Sadah. Un'ambulanza dell'organizzazione umanitaria stava andando a prestare soccorso alla popolazione in seguito all'intensificarsi dei raid. Ieri i bombardamenti hanno colpito un impianto petrolifero nel porto di Ras Isa, nello Yemen occidentale, causando 9 morti.

E mentre in Yemen la guerra non trova tregua, il mercato delle armi ne approfitta.

Bombardamenti in Yemen
© REUTERS / Mohamed al-Sayaghi
In Gran Bretagna divampa la polemica e lo Scottish National Party accusa il governo di avere inviato mezzi e uomini in Yemen senza avere chiesto l'approvazione parlamentare.

Secondo il parlamentare Angus Robertson l'aviazione saudita utilizzerebbe caccia bombardieri inglesi che sganciano bombe made in UK e piloti addestrati da istruttori britannici. Le manovre militari sarebbero inoltre coordinate dai sauditi in presenza di consiglieri militari britannici.

Il primo ministro David Cameron si è limitato a negare il coinvolgimento dell'esercito britannico nel processo decisionale della coalizione a guida saudita. Tuttavia ha sottolineato che la Gran Bretagna fornisce formazione, consulenza e aiuto ai paesi che osservano le norme del diritto internazionale e continuerà a farlo. Stiamo parlando dell'Arabia Saudita? 

Correlati:

Piogga di bombe in Yemen made in UK
Daesh contro UK: “Cameron schiavo della Casa Bianca”
Tags:
MSF, Medici Senza Frontiere, Scottish National Party, Angus Robertson, David Cameron, Arabia Saudita, Yemen, Gran Bretagna
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik