Widgets Magazine
04:35 23 Luglio 2019
Polizia protegge il luogo dell'attentato suicida nel centro turistico di Istanbul

Istanbul, Erdogan: kamikaze era siriano

© REUTERS / OsmanOrsal
Mondo
URL abbreviato
513

Il presidente turco parla in diretta televisiva poche ore dopo l'attentato che ha colpito la zona turistica di Istanbul, uccidendo almeno 10 persone. Per i media locali tra le vittime alcuni turisti tedeschi.

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha detto pochi minuti fa in diretta televisiva che l'autore dell'attentato che stamattina ha colpito piazza Sultanhamet a Istanbul è un kamikaze di origine siriana.

Intanto, l'ufficio del governatore della città ha comunicato che al momento il bilancio ufficiale è di 10 morti e 15 feriti, ma è probabile che il numero delle vittime debba essere aggiornato a causa delle gravi condizioni di alcune tra le persone investite dall'esplosione.

La deflagrazione sarebbe avvenuta, secondo quanto riferito dal quotidiano turco Radikal, alle 9 di questa mattina al momento del passaggio di una comitiva di turisti tedeschi in una delle piazze maggiormente frequentate della città, provocando la morte di 9 tra loro. La CNN Turk parla inoltre di vittime di nazionalità norvegese e un cittadino peruviano.

Due ore dopo l'attentato in piazza Sultanhamet, un rogo è divampato sulle impalcature di un hotel in costruzione in un diverso quartiere di Istanbul, dove alcuni testimoni hanno riferito di aver udito un'esplosione prima di vedere le fiamme. Sul luogo dell'incendio non ci sarebbero vittime e al momento non si hanno notizie di un possibile collegamento con l'attentato di Sultanhamet. 

Correlati:

Esplosione all’aeroporto di Istanbul
La polizia rafforza la sicurezza del Consolato Generale della Russia ad Istanbul
Esplosione nella metro d'Istanbul
8 sospetti militanti di ISIS diretti in Germania fermati all'aeroporto Ataturk di Istanbul
Ad Istanbul liquidato un centro di addestramento per minorenni
Tags:
Attentato suicida, Attentato a Istanbul, Recep Erdogan, Turchia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik