Widgets Magazine
19:36 21 Luglio 2019
La capitale kosovara Pristina

Manifestazioni di protesta in Kosovo contro l'accordo tra Pristina e Belgrado

© Sputnik . Ruslan Krivobok
Mondo
URL abbreviato
531

L'intesa atta a garantire maggiore autonomia ai comuni a maggioranza serba non piace ai nazionalisti della Repubblica del Kosovo.

Nella capitale kosovara, alcuni manifestanti hanno dato alle fiamme il palazzo del parlamento, servendosi di bombe Molotov. L'atto vandalico è stato perpetrato durante le manifestazioni di protesta in atto contro l'accordo tra Pristina e Belgrado dello scorso ottobre.

L'intesa garantisce una maggiore autonomia ai comuni a maggioranza serba della repubblica del Kosovo e permette loro di ricevere finanziamenti da Belgrado.

Alle proteste hanno preso parte alcune migliaia di attivisti provenienti dai tre partiti d'opposizione del Paese. La polizia si è servita di gas lacrimogeni per respingere i manifestanti e allontanarli dalla sede del Parlamento. Gli attivisti hanno reagito con il lancio di pietre e di bombe Molotov contro le forze dell'ordine, e hanno dato fuoco a un'auto della polizia. Alcuni collaboratori delle forze dell'ordine sono rimasti feriti durante gli scontri.

A metà dicembre, alcuni deputati nazionalisti avevano spruzzato del gas in parlamento per esprimere la propria contrarietà all'accordo.

 

 

Correlati:

UE prepara firma dell'accordo di associazione con il Kosovo
Tags:
accordo, Proteste, Serbia, Kosovo
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik