Widgets Magazine
15:04 21 Luglio 2019
Esercito siriano (foto d'archivio)

“In 1 mese e mezzo grazie ai raid della Russia liberati 153 centri abitati in Siria”

© Sputnik . Mikhail Voskresenskiy
Mondo
URL abbreviato
16290

In Siria più di 150 tra città e villaggi sono stati liberati da dicembre ai primi di gennaio grazie ai raid dell'Aviazione russa, ha riferito oggi il direttore del Dipartimento operativo dello Stato Maggiore, il generale Sergey Rudskoy.

"I risultati migliori sono stati ottenuti nelle province di Aleppo, Latakia, Hama, Homs e Raqqa," — ha detto il generale.

Nei primi 10 giorni del nuovo anno, gli aerei russi hanno compiuto raid contro 1.097 infrastrutture dei terroristi, compresi centri per la produzione e raffinazione di petrolio, depositi di attrezzature militari e campi d'addestramento.

"A seguito degli attacchi aerei dell'Aviazione russa i gruppi terroristici hanno subito pesanti perdite di uomini e attrezzature militari", — ha rilevato Rudskoy.

Secondo lui, questo permette alle truppe dell'esercito siriano e dell'opposizione moderata di continuare l'offensiva nonostante le condizioni meteo difficili associate alle forti piogge e alle basse temperature.

"Tuttavia, nonostante tutti gli sforzi della comunità internazionale per contenere i terroristi, dalla Turchia, nella parte nord-orientale della provincia di Latakia, continuano ad arrivare combattenti per aggregarsi al Daesh," — ha detto Rudskoy.

Correlati:

USA dovrebbero riconoscere meriti di Putin in Siria e seguire il Cremlino in Medio Oriente
“In Siria la Russia non solo vs Daesh, raid vs tutte formazioni jihadiste”
L'influenza della Russia in Siria rende la Turchia nervosa
La Russia in Siria, a che pro? E perché?
Tags:
ISIS, Terrorismo, raid della Russia in Siria, Esercito della Siria, Esercito siriano libero, Aviazione, Stato Maggiore, Sergey Rudskoy, Siria, Turchia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik