00:27 30 Ottobre 2020
Mondo
URL abbreviato
353
Seguici su

Secondo il vice capo della polizia di Helsinki prima dell'arrivo in massa dei profughi le autorità non si erano mai trovate ad affrontare così tanti crimini a sfondo sessuale. Le autorità finlandesi sono preoccupate per la sensibile crescita del numero dei crimini sessuali, scrive il “Telegraph”.

Secondo le forze dell'ordine, sono stati registrati numerosi casi di molestie nei confronti delle donne da parte dei profughi in attesa d'asilo durante le vacanze natalizie. In particolare, a titolo di esempio, viene riportato che alla vigilia di Capodanno accadevano le stesse cose avvenute a Colonia.

"Nella storia della Finlandia i reati sessuali sono un nuovo fenomeno. Non avevamo mai affrontato così tanti casi di molestie alla vigilia del nuovo anno," — ha detto il vice capo della polizia di Helsinki Ilkka Koskimaki.

Secondo lui, prima che nel corso del 2015 fossero arrivati 32mila profughi nei parchi e nelle strade della Finlandia non era mai accaduto nulla di simile.

"Io non sono esperto di altre culture, ma mi sono convinto che il modo di pensare insito di alcuni di loro è molto diverso. Alcuni ritengono di avere il diritto di essere aggressivi e di molestare le ragazze per le strade," — ha detto il funzionario di polizia.

Gli eventi a Colonia, in Germania, hanno provocato indignazione in tutto il mondo. Il motivo di tale scalpore è diventato il gran numero di aggressioni e molestie sessuali contro le donne nella notte di Capodanno. Fino ad oggi la polizia ha ricevuto più di 350 denunce da parte delle vittime.

Correlati:

Mosca ironizza sulla “libertà di opinione” in Europa per silenzio e repressione a Colonia
Gli aggressori di Colonia hanno detto di essere stati invitati dalla Merkel
I migranti sono il prezzo che Europa deve pagare per passato coloniale
Tags:
sessismo, Criminalità, profughi, Migranti, Donna, Società, Crisi dei migranti, Unione Europea, Polizia, Ilkka Koskimaki, UE, Germania, Finlandia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook