17:34 17 Agosto 2017
Roma+ 31°C
Mosca+ 25°C
    Portaerei USA (foto d'archivio)

    La flotta USA non ha abbastanza portaerei per risolvere problemi globali

    © flickr.com/ U.S. Pacific Fleet
    Mondo
    URL abbreviato
    363056247

    La quantità di portaerei pronte ad essere impiegate nelle operazioni in Medio Oriente e nel Mar Cinese Meridionale ha raggiunto un punto critico: ce ne sono poche per eseguire compiti globali, ha scritto il National Interest.

    Della mancanza di quantità necessaria di navi ne ha risentito, prima di tutto, la campagna militare degli USA in Siria contro i militanti del Daesh, ma anche l'operazione della marina militare statunitense nel Mar Cinese Meridionale, ha evidenziato la testata. Negli ultimi anni, per decisione del Pentagono la quantità delle portaerei è stata ridotta a dieci, quando per le leggi americane la flotta deve disporre di undici navi. Nel 2013 il Congresso ha approvato la richiesta della direzione militare dello smantellamento della portaerei USS Enterprise in servizio da oltre 50 anni.

    "Ci si aspettava che il periodo in cui la flotta sarebbe rimasta con dieci portaerei sarebbe durato 14 mesi, ma adesso la situazione si protrae da otto anni visti i collaudi supplementari alla resistenza ai colpi della nave, incluso il periodo preparatorio", ha raccontato al Navy Times il ricercatore del Centro di valutazione strategica e del budget Bryan Clark.

    "E 'ovvio che la riduzione della flotta di portaerei da sedici a meno di dodici navi dopo la guerra fredda è stato un errore. La flotta americana ha bisogno di almeno sedici portaerei", ha concluso il National Interest.

    Correlati:

    Seul e Washington discutono il dispiegamento delle forze USA nella penisola coreana
    “Il conflitto tra Iran e Arabia Saudita sarà un duro colpo per gli USA”
    Pentagono: la Russia non ha motivo di considerare gli USA una minaccia
    Tags:
    Operazioni militari, Portaerei, Flotta, Nave USA, Esercito USA, US Navy, Siria, USA, Cina
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik