23:22 24 Settembre 2017
Roma+ 13°C
Mosca+ 10°C
    Bandiera Unione Europea

    Liberation: l’Europa si muove verso un abisso e le cause sono concrete

    © Foto: Flickr
    Mondo
    URL abbreviato
    92454222

    L’Unione Europea, sin dal momento della sua creazione nel 1950 non si era mai confrontata con tanti sconvolgimenti, come negli ultimi tempi.

    "L'Unione Europea supererà il 2016? Dal momento della fondazione negli anni 50, l'Unione non si era mai confrontata con questa serie di sconvolgimenti", scrive Catreme.

    L'autore dell'articolo riporta le parole del commissario europeo per l'economia digitale e la società, Gunther Oettinger, che ha detto che per la prima volta vede un serio pericolo disgregazione dell'Unione europea. Il Presidente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker ha detto che non si fa illusioni riguardo al 2016. Scherzava, dicendo che era ancora troppo presto per dire se il 2015 fosse stato l'anno più difficile nella storia dell'Unione.

    Dal 2008, fa notare Catreme, l'Europa è stata tra l'incudine e il martello. Tutto è iniziato con il crollo finanziario americano nel 2007, il quale ha generato la crisi economica del 2008, la peggiore dal 1929. Le avventure della politica estera di Stati Uniti, Gran Bretagna e Francia, hanno destabilizzato il Mashriq e il Maghreb, che ha portato nell'Unione Europea il flusso di profughi e un nuovo focolaio di terrorismo. La crisi, associata ai migrant, ha rivelato grandi contrasti tra Est e Ovest, dimostrando quanto l'espansione dell'Unione si sia svolta in fretta e furia.

    Mentre per parte dei paesi dell'Europa occidentale, in particolare la Germania, la concessione di una serie di diritti alle persone è un valore ereditato dalla storia, quei paesi ex "democrazie popolari" vivono come vittime di questa stessa storia, che hanno diritti e nessun dovere. Si sono rifiutati di venire in aiuto nella situazione con l'afflusso di migranti e, in particolare, si sono rifiutati di ricevere nella propria formazione un musulmano, scrive l'autore.

    Questa situazione ha giocato a favore dei populisti, che si oppongono all'Unione europea, ha detto Katreme. Dopo la crisi del 1929, molti paesi pensavano che il fascismo fosse la migliore risposta alle sfide del tempo. Dopo 80 anni, le nazioni si lasciano sedurre anche da soluzioni estreme, continua giornalista.

    Oggi, le forze autoritarie della destra al potere in Polonia, Ungheria, partecipano al governo di Belgio, Danimarca e Finlandia, crescono in Svezia, Francia, Paesi Bassi e Italia. In ultima analisi, solo la Germania, e quei paesi che in questi ultimi tempi hanno avuto una dittatura (Spagna, Portogallo, Grecia), sono immuni da questo. Solo il terrorismo islamico rafforza queste forze, ha detto Katreme.

    "Per quanto tempo l'Unione, un progetto nato dalle rovine del dopoguerra, potrà resistere all'ondata di xenofobia e paranoia che si impadronisce di nuovo della nostra vecchia e sfiancata società?" si domanda Catreme.

    I leader europei, sia di destra che di sinistra, non hanno trovato niente di meglio che correre dietro i partiti estremisti, che sii possono vedere in Francia. Nulla, sembra, può ostacolare il ritorno di stati con priorità di obiettivi nazionali, e non l'Unione che porta l'Europa nel baratro, conclude Catreme.

    Correlati:

    Reuters: il 2015 è stato un vero inferno per l'Europa
    Un milione di migranti in Europa nel 2015
    “272 terroristi islamici in Europa, 150 in viaggio: kamikaze e attentatori tipo Parigi”
    Tags:
    DIsgregazione UE, Estremismo, xenofobia, Terroristi tra i profughi, Immigrazione clandestina, terrorismo, Unione Europea, UE
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik