18:19 26 Settembre 2017
Roma+ 21°C
Mosca+ 11°C
    Leader of CDU Bavarian allies Christian Social Union (CSU) Horst Seehofer

    Seehofer: le sanzioni contro la Russia sono un danno per la Germania

    © AFP 2017/ JOHN MACDOUGALL
    Mondo
    URL abbreviato
    131803360

    Bisogna chiedersi se questo automatismo “sanzioni una volta, sanzioni sempre” ha qualche fondamento, ha dichiarato Horst Seehofer, premier della Baviera e alleato della coalizione di governo di Angela Merkel.

    Il primo ministro bavarese Horst Seehofer — alleato di Angela Merkel nella sua coalizione di governo — in vista della sua visita a Mosca ha espresso la sua opinione contro le sanzioni alla Russia.

    "Le sanzioni arrecano un danno inverosimile all'economia e all'agricoltura della Baviera — ha dichiarato Seehofer in una intervista al giornale Bild am Sonntag —, dobbiamo domandarci se per noi ha qualche fondamento tale automatismo: sanzioni una volta, sanzioni sempre. Prima rinunciamo alla retorica della guerra fredda, meglio sarà àper la Baviera e la Germania".

    Seehofer aveva già avanzato dei dubbi sulla necessità di introdurre misure sanzionatorie contro la Russia. A dicembre, al congresso del suo partito "Unione Cristiano-Sociale", aveva dichiarato che senza la collaborazione di Mosca in tanti "problem esplosivi" sarebbe stato impossibile sistemare le cose. Secondo i media tedeschi, Seehofer è pronto ad incontrarsi con Vladimir Putin il 4 febbraio.

    Le sanzioni economiche dell'Unione Europea contro la Russia sono state introdotte il primo agosto 2014, per un anno, e a settembre 2014 sono state aumentate. È stato introdotto l'embargo per i nuovi contratti di import-export dall'UE alla Russia degli armamenti e delle merci e della tecnologia di duplice finalità.

    A dicembre l'Unione Europea ha prorogato le sanzioni alla Russia fino al 31 luglio 2016

    Tags:
    Opinione, Danni da sanzioni, Danni all'economia, Danni all'agricoltura, embargo, Sanzioni alla Russia, sanzioni, Angela Merkel, UE, Germania
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik