11:52 22 Gennaio 2021
Mondo
URL abbreviato
1 0 0
Seguici su

L'ex primo ministro israeliano vede ridursi la pena a 6 anni inflitta in primo grado in un processo in cui era accusato di aver preso tangenti per la costruzione di un complesso edilizio.

Ehud Olmert sarà il primo ex capo di governo israeliano a varcare le porte di un carcere. E' questa la decisione della Corte Suprema israeliana, chiamata a pronunciarsi sulla sentenza che nel 2014 portò alla condanna a sei anni di reclusione, ridotta ieri a 18 mesi. La vicenda per cui Olmert è stato processato riguarda la costruzione di un complesso edilizio a Gerusalemme all'epoca in cui l'ex premier israeliano era sindaco della città.

La pena di 6 anni che gli era stata comminata è stata ieri ridotta anche a causa della morte di uno dei testimoni chiave al processo, che la difesa di Olmert non ha potuto chiamare al banco dei testimoni. La condanna a 18 mesi di carcere per il cosiddetto "caso Holyland", dal nome del progetto edilizio al centro del processo e per cui Olmert avrebbe, secondo l'accusa, intascato una cifra pari a 14mila euro, farà aprire per l'ex premier israeliano le porte del carcere, in una sezione speciale approntata per l'occasione, il prossimo 15 febbraio. 

Correlati:

In Israele preoccupati per le canzoni inneggianti ad Hitler di un deputato ucraino
In Israele arrestato un cittadino della Russia, Mosca chiede spiegazioni
Israele non sta ai patti. Bufera in Medio Oriente
Tags:
edilizia, tangenti, Ehud Olmert, Israele
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook