10:29 11 Dicembre 2017
Roma+ 15°C
Mosca+ 2°C
    Bombardieri Tu-22 russi in Siria

    Siria, nella giornata di ieri 189 attacchi sui terroristi

    © Foto: Ministero della Difesa della Federazione Russa
    Mondo
    URL abbreviato
    31230

    Durante la giornata di giovedì gli aerei russi in Siria hanno lanciato 189 attacchi su obiettivi dei terroristi, ha comunicato venerdì il generale Sergey Rudskoy dello Stato Maggiore della Russia.

    "Soltanto durante la giornata di ieri abbiamo lanciato 189 attacchi, di cui 142 erano raid programmati e il resto — attacchi su obiettivi scoperti all'ultimo momento dalle unità che pattugliano la base aerea e il cielo", — ha detto Rudskoy ai giornalisti.

    Secondo il generale, nelle condizioni della situazione in rapida evoluzione gli attacchi improvvisi, sferrati dalle unità di pattugliamento, hanno un'efficienza particolare, perché non permettono ai terroristi di evitare i colpi. In Siria i militari della Russia hanno creato un sistema di intelligence a più livelli che garantisce l'attendibilità dei dati sugli obiettivi dei combattenti.

    Il generale Rudskoy ha anche rilevato che durante l'ultima settimana le forze governative della Siria, sostenute dall'aeronautica russa, hanno liberato cinque centri abitati in provincia di Aleppo, hanno preso sotto il loro controllo il monte Noba, cha ha un'importanza strategica, e hanno liberato dai combattenti il centro abitato di Kepir.

    Al confine tra Turchia e Iraq, nei pressi del valico di Zaho, l'ntelligence russa ha avvisto quasi 12 000 autocisterne e TIR.

    "Attraverso questo valico viene trafficato il petrolio proveniente sia dall'Iraq che dalla Siria", — ha detto Rudskoy.    

    Correlati:

    Raid Russia in Siria, risultati in 6 giorni: 302 missioni e 1093 obiettivi colpiti
    Nell'ultimo giorno raid russi contro 212 obiettivi dei terroristi in Siria
    Siria, negli ultimi giorni attaccati 204 obiettivi del Daesh dall'Aviazione russa
    Tags:
    Operazione della Russia, Siria
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik