22:51 14 Agosto 2020
Mondo
URL abbreviato
0 101
Seguici su

Truppe governative e volontari sunniti entrano in città per combattere la presenza dei miliziani di Daesh.

Iniziata la battaglia per il controllo di Ramadi. Con un'offensiva lanciata da diverse direzioni verso la provincia sunnita di al Anbar, dove il Daesh controlla con un migliaio di uomini l'importante città a 140 chilometri da Baghdad. Ramadi, da maggio scorso nelle mani del Daesh, è da ieri sotto il fuoco incrociato dell'esercito governativo e dei fondamentalisti, con migliaia di civili esposti al pericolo.

"Riconquisteremo Ramadi nelle prossime 72 ore".

Così Sabah al Noman, portavoce delle forze speciali anti terrorismo irachene. Fonti militari hanno poi confermato il dispiegamento di forze congiunte di terra, unità dell'anti terrorismo e polizia che, con il supporto aereo della coalizione internazionale, sarebbero riusciti in queste prime ore dall'inizio dell'operazione a prendere il controllo di diversi quartieri della città.

Fonti locali riferiscono di vittime tra civili a causa dei bombardamenti dei caccia della coalizione, mentre un portavoce del consiglio provinciale di al Anbar ha riferito di miliziani del Daesh in fuga con civili in ostaggio a fare da scudi umani. 

Correlati:

Turchia invierà altre truppe nel Nord dell’Iraq
Raid della coalizione poteva provocare la morte di militari dell’Iraq
Iraq chiede il ritiro delle truppe turche
Al Arabiya: combattenti di “Stato islamico” hanno occupato la città di Ramadi
L’Isis chiude la diga di Ramadi
Tags:
ISIS, Lotta al terrorismo, Operazione, Sabah al Noman, Iraq
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook