02:49 25 Febbraio 2018
Roma+ 7°C
Mosca-16°C
    Gli aerei  US Air Force F-16 Fighting Falcons sono situati alla base miltare ad Aviano

    Ex agente CIA: la Turchia è fuori controllo. Senso di impotenza degli Stati Uniti

    © REUTERS/ US Air Force
    Mondo
    URL abbreviato
    19461

    Secondo l’ex agente della CIA, la decisione del ritiro dei caccia americani dalla Turchia significa che gli Stati Uniti cominciano a vivere una politica più prudente nei confronti di Ankara, che ancora una volta ha confermato i suoi legami con il gruppo terroristico del Daesh.

    La decisione della US Air Force di ritirare i suoi 12 caccia F-15 dalla base aerea in Turchia è una reazione al fatto che le azioni di Ankara nella regione "sono incontrollabili", ha detto in un'intervista a RT l'ex funzionario della CIA Larry Johnson
    "La Turchia, a mio avviso, è fuori controllo, e alcuni paesi sono disposti a metterla a posto," ha dichiarato Johnson.
    Il punto di vista dell'ex agente della CIA si basa sul fatto che Washington e Ankara hanno osservato differenze di interessi nella lotta contro il terrorismo, in particolare nei ricorsi degli Stati Uniti al governo turco "per lasciare i curdi in pace."

    "I turchi stanno perseguendo i propri interessi, a prescindere dai desideri di Washington", ha detto Johnson.
    Inoltre, l'ex funzionario CIA, ha detto che la Turchia appoggia le azioni del Daesh, "accelerando il ritiro dei caccia americani, che sono in grado di fornire supporto aereo alle truppe di terra che combattono il Daesh".

    "Erdogan ha spinto la Turchia in un campo sunnita più radicale. Le élites della Turchia e dell'Arabia Saudita condividono i suoi obiettivi nel tentativo generale di contenere l'Iran. Hanno paura della diffusione dell'influenza dell'Iran, poichè l'Iran è un paese sciita, e l'influenza sciita si è diffusa in tutto il Medio Oriente," ha detto Johnson.
    Egli ritiene che "la Turchia non sente la necessità di prestare attenzione agli Stati Uniti", perché "l'amministrazione Obama è vista da molti nel mondo, e in particolare in Turchia, molto debole."

    Johnson ha aggiunto che il ritiro dei caccia statunitensi dal territorio turco può anche chiarire le conseguenze dell'incidente con il cacciabombardiere russo Su-24, che secondo l'ex agente della CIA è "una provocazione contro il popolo russo".

    Correlati:

    USA decidono di non riportare in Turchia i lanciamissili antiaerei “Patriot”
    La Turchia ha iniziato a parlare con la Cina col linguaggio degli USA
    Jet russo, USA: abbattimento deciso dalla Turchia
    Tags:
    ISIS, Minaccia terrorismo, cacciabombardiere, lotta contro il terrorismo, caccia, Provocazioni, Ritiro, ritiro di truppe, CIA, Recep Erdogan, Turchia, USA
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik