20:27 14 Dicembre 2019
Combattente in Libia

Libia, allarme da ex consigliere di Gheddafi: armi chimiche ai terroristi del Daesh

Andrey Stenin
Mondo
URL abbreviato
1015
Seguici su

I fondamentalisti islamici, in particolare quelli appartenenti al gruppo terroristico del Daesh, hanno conquistato i depositi militari con all'interno l'arsenale chimico nella Libia meridionale.

In un'intervista al quotidiano pan-arabo "Asharq Al-Awsat" lo ha dichiarato Ahmed Qaddaf al-Dam, cugino e consigliere dell'ex leader libico Muammar Gheddafi.

Secondo l'ex consigliere, i combattenti trasportano "in gran quantità" gas nervino e sarin dalle zone desertiche del Paese, anche in prossimità della capitale Tripoli.

Secondo al-Dam, i terroristi hanno già utilizzato l'arsenale chimico l'anno scorso in Libia, ma l'episodio è passato "senza l'attenzione della comunità internazionale."

Al momento quasi tutto il territorio della Libia è afflitto da una situazione di caos assoluto nel settore della sicurezza. Nel Paese ci sono 2 governi, ogni città di fatto ha un proprio governo autonomista e le sue "milizie popolari", soggette solo alle leggi locali e ai leader delle tribù.

Correlati:

Firmato l’accordo di riconciliazione nazionale per la Libia
Il Daesh punta ai giacimenti di petrolio al di fuori della Siria: Libia e Sinai nel mirino
A Roma in corso la conferenza internazionale sulla Libia
Libia, Daesh conquista Sabrata
Il Daesh potrebbe colpire l'Italia dalla Libia, meta dei terroristi in fuga dalla Siria
Allarme USA: Libia prossima roccaforte ISIS
Tags:
ISIS, Sicurezza, Terrorismo, Armi chimiche, Muammar Gheddafi, Libia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik