16:27 16 Aprile 2021
Mondo
URL abbreviato
726
Seguici su

Il deputato del Partito Repubblicano del Popolo della Turchia aveva raccontato ai giornalisti che nel 2013, su territorio turco, i militanti dell’ISIS si erano riforniti di gas nervino sarin, che viene utilizzato per la produzione di armi chimiche.

Il procuratore generale di Ankara ha avviato un'indagine contro il deputato del Partito Repubblicano del Popolo della Turchia Eren Erdem, dopo che questi aveva raccontato in un'intervista a RT, che i militanti del Daesh (gruppo vietato in Russia) si erano riforniti in Turchia di gas sarin, utilizzato per la produzione di armi chimiche.

Secondo i media locali, la polizia sospetta Erdem di tradimento e può essere privato dell'immunità parlamentare.

Erdem dice che, sia in Turchia che in Occidente, si conoscono gli autori degli attacchi chimici avvenuti in Siria nel 2013, per i quali è stato accusato Assad.

"Materiali per le armi chimiche sono stati importati in Turchia, e poi trasferiti in un capo del gruppo del Daesh in Siria, allora membri di Al-Qaeda in Iraq", aveva detto in un'intervista con RT Eren Erdem. Abbiamo le registrazioni che lo confermano. L'ufficio del procuratore ha avviato un'indagine, che ha portato agli arresti delle persone coinvolte. Tuttavia, una settimana dopo, il caso è stato trasferito in un altro pubblico ministero, e tutti sono stati rilasciati. Attraversarono il confine turco-siriano e sono fuggiti".

Correlati:

Parigi avverte: terroristi islamici potrebbero usare armi chimiche o biologiche
ISIS ha le tecnologie per produrre armi chimiche?
“I ribelli siriani hanno le armi chimiche e le hanno già usate in Iraq e Siria”
Tags:
ISIS, Terrorismo, sarin, Armi chimiche, Lotta al terrorismo, Bashar al-Assad, Siria, Turchia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook