12:55 28 Novembre 2020
Mondo
URL abbreviato
34401
Seguici su

Un peschereccio turco si è avvicinato ad una nave da pattugliamento russa, senza rispondere ai contatti radio e senza rispondere ai segnali visivi. Per evitare la collisione, la nave russa ha sparato dei colpi di avvertimento con armi di piccolo calibro.

Oggi l'equipaggio della nave di pattugliamento russa "Smetlivy" ha evitato uno scontro con un peschereccio turco della parte settentrionale del Mar Egeo, ha riferito l'ufficio stampa del ministero della Difesa della Russia.

"Oggi 13 dicembre 2015 l'equipaggio della nave di pattugliamento russa "Smetlivy", che si trovava a 22 chilometri dall'isola greca di Limnos a nord del Mar Egeo, ha evitato una collisione con un peschereccio turco," — si legge nel comunicato.

A seguito dell'incidente il vice ministro della Difesa Anatoly Antonov ha convocato l'addetto militare presso l'ambasciata turca in Russia.

Come riportato, questa mattina la nave di pattugliamento aveva rilevato ad una distanza di circa 1 chilometro una nave turca, che navigava proprio verso l'imbarcazione russa.

Nonostante i numerosi tentativi di "Smetlivy", l'equipaggio del peschereccio turco non si è messo in contatto radio con i marinai russi e non rispondeva ai segnali visivi della nave russa.

Mentre il peschereccio si avvicinava alla nave russa ad una distanza di circa 600 metri, per evitare la collisione, sono stati sparati dei colpi verso l'imbarcazione turca, caduti volutamente a distanza di sicurezza.

Secondo il ministero della Difesa russo, subito dopo i colpi d'avvertimento, il peschereccio turco ha bruscamente cambiato rotta e senza mettersi in contatto con l'equipaggio russo, ha proseguito a navigare passando ad una distanza di 540 metri da "Smetlivy".

Correlati:

Bosforo, le navi militari russe passano regolarmente
Bosforo, ammiraglio Marina turca: la Russia non ha violato Convenzione di Montreux
La nave russa nel Bosforo non ha violato la convenzione di Montreux
Tags:
nave, Incidente, Marina Militare, ministero della Difesa della Federazione Russa, Mar Egeo, Russia, Turchia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook