03:22 03 Dicembre 2020
Mondo
URL abbreviato
1015
Seguici su

Il vice comandante delle milizie della Repubblica popolare di Lugansk (LNR) Igor Yaschenko ha dichiarato che da parte dell’esercito dell’Ucraina ci potrebbero essere delle provocazioni armate.

"Secondo i nostri dati, vicino al cimitero del villaggio di Lobachevo, nel distretto Novoaydarsky, è stato dislocato un reparto ucraino con mortai calibro 120 e relative munizioni", — ha detto Yaschenko.

Il miliziano ha rilevato che LNR ha ritirato tutti i suoi mortai come previsto dagli accordi di Minsk. Lo confermano anche gli osservatori dell'OSCE.

Secondo Igor Yaschenko, LNR non esclude che da parte dell'esercito ucraino ci possano essere delle provocazioni.

"Con questi mortai potrebbero sparare sulle postazioni delle proprie truppe per accusarne poi i nostri", — ha detto Yaschenko.

A differenza delle milizie, egli ha osservato, le forze di Kiev continuano a concentrare truppe e mezzi lungo la linea di separazione.

In aprile dell'anno scorso il governo dell'Ucraina ha iniziato un'operazione militare contro le repubbliche autoproclamate di Lugansk e Donetsk. Secondo gli ultimi dati dell'ONU, il conflitto ha provocato più di 8000 vittime.

Correlati:

Nel Donbass tregua violata per 12 volte
Donbass, nelle ultime 24 ore tregua violata 8 volte
Donbass: esercito dell’Ucraina sta riportando armi alla linea di separazione
Tags:
Truppe dell'Ucraina, LNR, Donbass
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook