01:31 17 Agosto 2017
Roma+ 25°C
Mosca+ 14°C
    Combattente del Daesh distrugge una statua storica a Palmira (foto d'archivio)

    La Turchia si rifiuta di restituire in Siria gli oggetti d'arte contrabbandati dal Daesh

    Twitter / Julie Lenarz
    Mondo
    URL abbreviato
    111534232

    La Turchia si è rifiutata di restituire gli oggetti d'arte rubati in Siria dal Daesh (ISIS).

    Sono stati consegnati ad Ankara dopo che erano stati confiscati a dei contrabbandieri arrestati al confine con la Turchia, ha riferito a "Reuters" il direttore del dipartimento generale delle Antichità e dei Musei della Siria Maamoun Abdulkarim.

    Secondo lui, il governo turco si rifiuta di registrare gli oggetti sequestrati. Le autorità turche "ci hanno detto che non possono farlo", spiegando le loro azioni sono limitate dalla legge, ha osservato il direttore.

    E' inoltre difficile situazione con Israele per la mancanza di relazioni tra Tel Aviv e Damasco. Con gli altri Paesi non sorgono problemi sulla restituzione degli oggetti.

    Secondo Abdulkarim, le guardie di frontiera turche hanno sequestrato più di 2mila oggetti trafugati dai militanti del Daesh dai musei e siti archeologici presenti in Siria.

    Correlati:

    Continua la distruzione di ISIS a Palmira: distrutto l'Arco del Trionfo di epoca romana
    Militanti di ISIS hanno giustiziato il custode del sito archeologico di Palmira
    Siria, Palmira minata dall'ISIS
    Estremisti ISIS distruggono preziose opere d’arte
    Tags:
    Giustizia, Arte, Contrabbando, Terrorismo, Confine, Polizia, Daesh, Maamoun Abdulkarim, Siria, Turchia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik