09:25 22 Agosto 2017
Roma+ 23°C
Mosca+ 24°C
    Al confine serbo-ungherese

    Una polizia unica per le frontiere Ue

    © AFP 2017/ Elvis Barukcic
    Mondo
    URL abbreviato
    6420115

    Il progetto della Commissione Europea anticipato dal Financial Times come ultima spiaggia per salvare la libera circolazione dentro l'area Schengen.

    La Commissione Europea sarebbe pronta a presentare la prossima settimana un piano per la composizione di un unico corpo di polizia da schierare alle frontiere esterne all'Unione. E' quanto anticipato in queste ore dal Financial Times, che ha potuto visionare documenti da fonti europee.

    Il quotidiano britannico descrive così il progetto pensato dalla Commissione per superare Frontex, che ha mostrato i suoi limiti nel corso dell'epocale crisi migratoria che ha portato 1,2 milioni di profughi in Europa, e per salvare l'integrità di uno dei pilastri dell'Unione europea, ossia la libera circolazione di merci e persone all'interno dell'area Schengen.

    La riforma, che il foglio economico britannico definisce "il più grande trasferimento di sovranità dalla creazione della moneta unica", prevederà differentemente da Frontex un corpo permanente e soprattutto l'impossibilità per i Paesi interessati di opporsi al suo dispiegamento. Sempre in tema di differenze rispetto al sistema attualmente in vigore, il nuovo corpo potrà svolgere le funzioni di guardia costiera e, ad esclusione di Regno Unito e Irlanda che potranno esercitare l'opt out, sarà presente in tutti gli Stati dell'Unione, Norvegia compresa.  

    Correlati:

    Frontex, mezzo milione di migranti in Europa in otto mesi
    Usa, Trump: chiudere frontiere ai musulmani
    Paesi Schengen potrebbero prorogare controlli alle frontiere
    Fondi Ue per la protezione delle frontiere in Slovacchia
    Tags:
    Frontiere, rifugiati, profughi, migranti, Trattato di Schengen, Crisi dei migranti, Controlli alle frontiere, chiusura delle frontiere, Frontex, Commissione Europea, UE, Europa
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik