14:44 18 Gennaio 2018
Roma+ 14°C
Mosca-7°C
    I migranti arrivano  in Porto Empedocle, Sicilia.

    Procedura d’infrazione Ue per l’Italia sulle impronte digitali dei migranti

    © AP Photo/
    Mondo
    URL abbreviato
    311

    Il regolamento Eurodac impone la presa delle impronte dei richiedenti asilo e loro trasmissione al sistema centrale entro 72 ore dallo sbarco.

    La Commissione Ue ha avviato oggi l'attesa procedura d'infrazione verso Italia, Grecia e Croazia in materia di asilo, esortando i Paesi mediterranei ad attuare correttamente la raccolta delle impronte digitali dei migranti.

    Il regolamento Eurodac impone la presa delle impronte dei richiedenti asilo e loro trasmissione al sistema centrale entro 72 ore dallo sbarco. 

    La Commissione esorta inoltre Grecia e Malta a comunicare le misure nazionali adottate per recepire pienamente la ‘direttiva procedure', che stabilisce procedure comuni per il riconoscimento e la revoca dello status di protezione internazionale, e la ‘direttiva accoglienza', che riguarda l'accesso dei richiedenti asilo alle condizioni di accoglienza in attesa che la loro domanda sia esaminata.

    Intanto, mentre la burocrazia di Bruxelles è al lavoro, continua lo sbarco dei migranti in Italia. Sono in tutto 178 i profughi arrivati oggi a Pozzallo, nel ragusano. La polizia di Ragusa ha avviato indagini per identificare eventuali scafisti fra i migranti.

    Correlati:

    Migranti, nel 2015 morti 700 minori
    Migranti, Italia a rischio sanzioni UE
    Migranti, muoiono sei bambini nel mar Egeo
    All'Ungheria non vanno giù le quote-migranti, esposto contro la UE
    Tags:
    Migranti, Registrazione dei migranti, UE
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik