20:40 19 Gennaio 2018
Roma+ 14°C
Mosca-8°C
    Tornado da ricognizione (foto d'archivio)

    Primi militari tedeschi della missione in Siria decollati verso base NATO in Turchia

    © AP Photo/ Pavlos Vrionides
    Mondo
    URL abbreviato
    306

    Oggi in Germania nella base militare nello Stato federale dello Schleswig-Holstein si è svolta la cerimonia di saluto dei soldati della Bundeswehr, che sono partiti verso la base NATO di İncirlik in Turchia, dove condurranno i primi 2 aerei da ricognizione Tornado per la missione in Siria.

    Inoltre nella giornata di oggi da Colonia partirà un aereo cargo diretto verso İncirlik con a bordo il team composto da 16 tecnici, piloti e un medico.

    "Stiamo vivendo un attacco di odio da parte dei cosiddetti islamisti… Così la domanda sorge spontanea: come proteggere la gente dai fanatici misantropi? Dai terroristi che provano un disprezzo insondabile per la vita e sono disposti a sacrificare anche i loro seguaci…Ora i primi di voi partiranno per una missione rischiosa. A nome dei vostri concittadini, vi auguro di cuore tutto il meglio,"- ha dichiarato alla cerimonia Torsten Albig, primo ministro dello Schleswig-Holstein.

    Il 4 dicembre nel Bundestag con la maggioranza dei voti è stata approvata la mozione del governo per sostenere i partner francesi nella lotta contro i terroristi del Daesh (ISIS) in Siria.

    Correlati:

    Der Spiegel: Germania teme doppio gioco della Turchia
    Germania si impegna in Siria, ma non collaborerà con la Russia
    Germania, parlamento approva missione esercito in Siria
    La decisione della Germania di inviare i suoi soldati in Siria è controversa
    Germania dice no a scambio informazioni con Russia su voli Aviazione tedesca in Siria
    La Germania invierà 1.200 soldati in Siria per combattere il Daesh
    La Germania potrebbe lanciare missione militare in Siria entro fine anno con Aviazione
    Tags:
    ISIS, Terrorismo, NATO, Coalizione USA anti ISIS, Aviazione, Turchia, Siria, Germania
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik